Stag.11/12 - Fantacalcio 2018-2019

Vai ai contenuti

Stag.11/12

Il Calcetto dei Campioni

Risultato del 1/9
BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 7-7

Al termine dalle meritate vacanze estive, riprende il Calcetto dei Campioni, con le due storiche compagini che danno vita ad un match vibrante, non eccelso dal punto di vista dei contenuti tattici, ma molto equilibrato e caratterizzato da continui capovolgimenti di fronte. Il Real segna il primo gol della stagione con Nobita, poi raddoppia grazie ad un colpo di suola del Tazzina, che beffa l’attonito Matusa rimpallando un improvvido rilancio di Cavallopazzo, e mantiene il minimo vantaggio (al massimo 2 reti), fino al 5-4. Finalmente il Borgo, che è sembrato più in palla fisicamente, riesce a pareggiare e a portarsi in vantaggio, ma ha la grave colpa di sprecare almeno 3 limpidissime occasioni per incrementarlo, subendo nel finale il pareggio avversario.

BORGOGEKO

Cavallopazzo 7,5 tiratissimo dopo la sosta, ha così voglia di giocare che si presenta al campo probabilmente prima ancora che venga aperto dai proprietari. I compagni riescono ad imbrigliare la sua anarchia tattica, e la squadra riesce così a beneficiare delle sue grandi doti di corsa, che gli consentono di recuperare una miriade di palloni e di contrastare gli avversari a tutto campo. Invasato, si scatena anche nella fase offensiva, distribuendo assist (anche se, a volte egoista, non quanti avrebbe potuto) e siglando 3 reti con le sue velenose "puntarole",che mettono in difficoltà il pur bravo Nobita.

Geko 7 buon dinamismo e senso tattico invidiabile, è il prototipo del centrocampista moderno. Da bravo capitano si fa sentire strigliando i compagni che pare abbiano dimenticato che la palla si può anche passare indietro, specie se l’alternativa è perderla. Dopo un inizio incerto sfodera lanci e assist sontuosi (e pensare che la Juventus paga Pirlo 3 milioni di euro l’anno…), segna il primo gol stagiona le del Borgo e presidia la porta con sicurezza.

Gabibbo 7- si conferma il solito marcatore implacabile, quando si incolla all’attaccante avversario è difficile che non riesca a stopparne l’azione. Sfiora il gol di testa su azione da urlo, e ne segna uno sfruttando un raro spunto lucido del Matusa. In fase di impostazione lascia un po’ a desiderare, sfoderando lanci lunghi imprendibili anche giocando all’Olimpico.

Simotto 6,5 altro interprete eccellente della tattica, si sacrifica fin troppo per assicurare equilibrio alla squadra, rimanendo spesso ultimo uomo anche quando non è il centrale designato, limitando così le sgroppate sulla fascia. Inizia da par suo la stagione, intercettando col corpo una serie di conclusioni avversarie.

Matusa 5 segnalato in gran forma, appare tirato fisicamente, ed in effetti da quel punto di vista risulta più che sufficiente, accusando un calo solo nel finale. Purtroppo è dal lato tecnico che lascia a desiderare: designato punta di riferimento, fallisce completamente la missione, segnando un gol, ma fallendo occasioni che è poco definire clamorose, sballando 2-3 conclusioni nel primo tempo a tu per tu col portiere, non centrando neanche i pali, e peggiorando nella ripresa, quando ne spreca altrettante, stavolta addirittura a porta vuota. Si intestardisce inoltre nel saltare l’uomo, non riuscendoci, con spunti che forse gli riuscivano 10 anni fa.

REAL TAZZINA

Nobita 7 incredibilmente nel mese di agosto pare che abbia buttato giù la pancetta da bevitore, e ne beneficia in campo, non crollando nonostante il caldo in parte anomalo. Esce spesso vincitore dal traffico del centrocampo, e tiene in partita la squadra parando oltre il dovuto durante il forcing borghigiano, soccombendo solo alle puntate affilate di Cavallopazzo.

Bonzo 7 si muove liberamente a tutto campo, partendo spesso da destra. A volte sembra addormentato, salvo poi piazzare degli strappi micidiali, rientrando in maniera sovente immarcabile sul sinistro. Segna 3 reti, tra cui quella importantissima del pareggio, e una spettacolare con veronica di tacco a saltare l’uomo.

Tazzina 6,5 il capitano inizia bene la stagione, muovendosi tra le linee, distribuendo il gioco pronto ad entrare a rimorchio nelle azioni offensive;segna la prima rete di suola e sigla poi un altro gol beffando l’ineffabile Matusa, che gli rilancia sui piedi, con parabola quasi da centrocampo. Piazza le quattro frecce nell’ultimo quarto di gara, lasciando i compagni in inferiorità numerica sulle ripartenze borghigiane.

Denver 6+ dispone agevolmente del fantasma del Matusa, anticipandolo e stoppandone le velleitarie azioni personali,mentre è in difficoltà sulle veloci ali avversarie, che ribaltano il fronte dell’azione. Nella fase di impostazione non è preciso come al solito, e le sue potenti conclusioni rasoterra si perdono sempre sul fondo.

Tutina 5 anno nuovo Tutina vecchio: pasticcia a tutto campo, pronto a sparacchiare a caso il pallone, a volte anche utilmente quando si trova in difesa, anche se ormai è diverso tempo che non si vede più il mastino implacabile da cui era difficile liberarsi. Imperdibili i suoi campanili in rovesciata, ormai un classico del giovedì, parabole perfette quanto inutili.

Riepilogo gol:
Borgo – cavallopazzo 3, geko 2, matusa 1, gabibbo 1
Real – bonzo 3, tazzina 2, nobita 1, denver 1



Risultato dell'8/9
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 10-11

Pagelle abbastanza slim questa settimana, causa la PIGRIZIA e l'IGNAVIA di chi era stato incaricato di stilarle nel lungo weekend. Ad oggi la memoria della partita è per forza di cose un pò annacquata, quindi non saranno giudizi troppo netti.
partita equilibrata, il Borgo sembra poterla comandare e portare a casa in scioltezza, poi 10 minuti di follia suicida consentono la Real di prendere il largo di 3 reti, vantaggio incolmabile nonostante il mega overtime.

BORGOGEKO

Geko 7 corsa, geometrie, senso tattico, stavolta pure i gol...occorrerebbe clonarlo

Simotto 7- grande sacrificio tattico, regge la baracca difensiva, ma quando va in porta non trova nessuno che lo sostituisca adeguatamente. un pò nervoso, fortunatamente le ferie sono dietro l'angolo.

Bonzo 6,5 finchè regge la gamba fa girare bene la palla, e si rende pericoloso in avanti. segna 3 reti, ma ne fallisce un paio clamorose, dimostrando di non essere un killer sotto porta

Cavallopazzo 6,5 vanaglarioso per i complimenti che ha ricevuto dal suo massaggiatore per la prestazione di giovedì scorso, appare meno presente nel match, amche se non fa mancare il suo contributo di corsa e pressing

Vacanac 6,5 una partita da 7 pieno e forse anche di più, condita di gol e assist, parzialmente inficiata da dua gravi disattenzioni in fase di copertura che provocano altrettanti gol avversari


REAL TAZZINA

Tazzina 7 smista palloni e segna, bersaglia nche la traversa e regge bene o male fino alla fine della lunga partita

Denver 6,5 soffre all'inizio, ma come suo costume non getta mai la spugna, facendo sentire i muscoli agli avversari, bloccandoli con le buone o con le cattive

Nobita 6,5 parte in sordina, si scioglie progressivamente, impensierendo gli avversari con le sue conclusioni secche e precise.

Filter 6,5 in buona forma fisica, corre più del solito. poco lucido all'inizio sotto porta, si riscatta segnando i 2 gol che scavano il solco decisivo.

Tutina 6- con lui in campo il Real soffre, ma bisogna anche dire che era il momento migliore del Borgo. divora gol a porta vuota e segna di ginocchio

Mezza Tuta 6,5 rileva lo spompato genitore, e beneficia del crollo fisico degli avversari, piazzandosi sornione a sinistra, pronto a pungere in contropiede


riepilogo gol:
Borgo - geko 4 vacanac 3 bonzo 3
Real - tutina 1  mazza tuta 2  filter 2  nobita 3  tazzina 3





Risultato del 15/9


BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 5-4

Altra partita molto tirata, condotta sostanzialmente dal Borgo, che però, come la scorsa settimana, rischia di buttare alle ortiche una vittoria strameritata a causa di una serie di errori sotto porta e al consueto calo finale. Real bombardato da tutte le parti, e in partita fino alla fine grazie ai legni colti dagli avversari (4) e alle super parate di un Nobita stile Buffon.

BORGOGEKO

Gabibbo 7 la retroguardia beneficia del suo ritorno, insuperabile sui palloni alti, morde le caviglie del più avanzato degli avversari, riuscendo sovente nell’anticipo. Surrogando gli attaccanti spreconi, si porta in avanti e segna un gol, una rarità per lui, che si dimostra determinante ai fini del risultato.

Geko 7 rispolvera una prestazione alla Nesta, stoppando più volte i sogni proibiti degli attaccanti tazzinari, e intercettando una miriade di palloni. Produttivo in tutte le posizioni del campo, coglie un palo e salva in uscita su Denver che già stava esultando per il gol.

Bonzo 6,5 un buon primo tempo, mobile, pronto al dialogo e alla circolazione palla. Cala vistosamente nella ripresa, piantandosi sovente in attacco e fallando qualche buona occasione. Segna l’unico gol con rilancio direttamente dalla porta, sfruttando la dabbenaggine di Mezza Tuta.

Cavallopazzo 6,5 sempre generoso con le sue sgroppate a tutto campo, cerca con insistenza, troppa, il successo personale, ma le sue ambizioni si infrangono 2 volte sulla traversa a seguito di belle conclusioni.

Doraemon 6,5 ottimi spunti nel primo tempo, salta spesso il marcatore e gonfia la rete avversaria. Anche lui cala parecchio nel secondo tempo, diradando i rientri e pagando dazio sotto il piano della lucidità.


REAL TAZZINA

Nobita 7,5 per un problema al piede moltiplica i suoi turni in porta, per la disperazione dei borghigiani: infatti si esibisce in 5 parate di grande livello, più l’ordinaria amministrazione mai banale. Quando è in campo segna anche 2 reti.

Tazzina 7 tessitore del gioco offensivo, si disimpegna egregiamente sia come boa che sulla fascia, dalla quale realizza un bel gol, sgusciando tra un paio di marcatori e anticipando il portiere in uscita.

Tutina 6 anche stavolta si alterna con Mezza Tuta, e la soluzione sembra giovare ad entrambi. Sempre pericoloso, soprattutto per i compagni, con la palla al piede, ritrova però l’antica "tigna" nella marcatura, l’aspetto sul quale dovrebbe fondare il suo gioco.
Mezza Tuta 6 la mezza partita sembra sia il suo tempo ideale di gioco, che gli consente di rimanere lucido e di fornire un contributo accettabile sul piano del movimento. Segna uno dei gol della (mancata) rimonta tazzinara, ma ha sulla coscienza il gol incassato goffamente dal Bonzo, che tira, volendo effettuare un lancio, direttamente dalla propria area di rigore.

Filter 5,5 discreta corsa, ma carenza di fondamentali, che lo porta a sbagliare in maniera goffa quasi ogni stop. Questo gli fa perdere tranquillità e lo condanna ad una partita in preda all’ansia di sbagliare.

Denver 5+ la delusione della serata: inefficace in copertura, spesso saltato da Doraemon e pasticcione nelle chiusure, non riesce a dare quel "quid" in più in fase offensiva, sbagliando le conclusioni e anche facili passaggi.

marcatori:
Borgo - doraemon 3 , bonzo 1, gabibbo 1
Real - nobita 2 , tazzina 1 , mezza tuta 1




Risultato del 20/9

BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 9-4

Squadre rimaneggiate per un insolito turno di martedì, con il Real infarcito di baldi giovanotti intorno a capitan Tazzina, che però vengono travolti dalla maggiore esperienza del Borgo, che non dilaga nel risultato solo per la presenza di Calimero, che divora più occasioni di quante poi alla fine ne concretizzi.

BORGOGEKO

Bonzo 7 imposta e tira, si propone e lancia i compagni, compie anche qualche bell’intervento in fase difensiva. I ritmi non indiavolati del match e l’inesperienza degli avversari gli consentono di sfruttare al meglio le sue doti.

Gabibbo 7 ci vuole ben altro per impensierire il difensore più roccioso del calcetto dei campioni, anche se la rapidità di Doraemon gli crea qualche grattacapo, che risolve però con l’abituale risolutezza.

Geko 6,5 senso tattico superiore, è sempre al posto giusto al momento giusto, pronto a ricevere il passaggio facile del compagno o a stoppare i tentativi di ripartenza avversari. Anche sulla corsa schianta i più giovani avversari, che faticano a stargli dietro.

Cavallopazzo 6,5 apre le marcature con una "mozzarella" che dimostra come gli sia più facile segnare con conclusioni non irresistibili piuttosto che con conclusioni forti e precise. Vista la partita in discesa, si lascia trascinare dagli eventi, scatenando la sua corsa inarrestabile verso la porta avversaria trascurando un po’ la fase difensiva.

Calimero 6 che dire se non che è lo stesso vecchio identico Calimero di sempre: tante reti segnate annegate in una miriade di occasioni fallite. In una partita come quella di martedì ci può stare, ma in una gara più tirata la percentuale realizzativa dovrebbe almeno raddoppiare per consentirgli un voto dalla sufficienza in su.


REAL TAZZINA

Rugantino 7- all’esordio sui campi che contano, dopo la gavetta tra le schiappe, non dimostra timori reverenziali, ma appare come il più sicuro dei suoi, calmo, preciso nel mantenere la posizione, autore di 2-3 salvataggi all’ultimo respiro buttandosi a corpo morto per intercettare le conclusioni a botta sicura avversarie. Da migliorare nelle conclusioni, mai pericolose.

Doraemon 6,5 riferimento avanzato, si dimostra pronto a sfruttare il contropiede e crea pericoli con la palla tra i piedi, sfruttando rapidità e buona propensione nel dribbling stretto. Non dimostra però buona amalgama con i compagni, con i quali non riesce a dialogare in maniera continua ed efficace, esprimendosi troppo da solista.

Tazzina 6 in una squadra slegata tatticamente, parte da centravanti, salvo poi retrocedere per portare un po’ d’ordine in impostazione, non riuscendo mai però ad entrare veramente nel vivo del gioco, soccombendo all’anarchia tattica dei giovani compagni.

Filter 5,5 probabilmente il tazzinaro che corre di più, ma paradossalmente gioca pochi palloni rispetto alla mobilità. Non segnalato alla voce conclusioni, paga dazio ad una squadra con troppi "delanteri", snaturandosi in un lavoro sporco che ancora non è in grado di reggere con efficacia.

Vacanac 5,5 come il Tazzina non trova la giusta collocazione in campo, trovando la sua posizione di punta centrale costantemente occupata, e non riuscendo a riciclarsi sulla fascia si trova fatalmente ai margini del gioco. Si scontra verbalmente con Doraemon, ma il battibecco non porta giovamento a nessuno dei due giocatori, che si innervosiscono inutilmente.

Riepilogo gol (da confermare)
Borgo – cavallopazzo 1 geko 2 bonzo 2 calimero 4
Real – doraemon 4




Risultato del 29/9


BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 12-6

Serata insolitamente calda per essere fine settembre, e squadre che riprendono solo parzialmente la loro fisionomia, causa un paio di defezioni dell’ultimo minuto.
Il Real parte a razzo, si porta sul 2-0, ma è una fiammata illusoria, perché il Borgo inizia a macinare gioco, e sospinto da un Arrighe in gran spolvero, asfalta i tazzinari, decisamente allo sbando dal punto di vista tattico.

BORGOGEKO

Arrighe 8 tirato a lucido dagli allenamenti, spazza il campo con le sue folate, segna e fa segnare, para e incide le carni degli avversari con le sue bordate. Rinforzato dalla preparazione specifica è ancora più determinante.

Gabibbo 7 implacabile nell’anticipo, spezza diverse azioni tazzinare a fa partire il contropiede. Coadiuvato nei compiti di impostazione, commette meno errori del solito.

Calimero 6,5 la negazione del calcio, tanto brutto (non solo fisicamente) da vedere, quanto efficace grazie ad una fortuna sfacciata nei rimpalli. Cicca le occasioni più limpide e rotola in rete con la palla nelle situazioni più confuse. Gli si deve riconoscere un grande impegno, ma se continua così non progredirà mai tatticamente.

Simotto 6 reduce da un mese di ferie, impiega un po’ a riprendere confidenza con il campo. Non brillante come suo solito, si limita al compitino, senza errori e senza fiammate.

Geko 6 in campo in condizioni fisiche precarie, si concede turni in porta supplementari, ma rimane sostanzialmente inoperoso. Prende quota nella ripresa, con qualche buon assist, e due occasioni, una sprecata e l’altra finalizzata per l’ultima rete.


REAL TAZZINA

erCoccia 6,5 estemporaneo come non mai, si accende improvvisamente, seminando il panico nella retroguardia avversaria, salvo concedersi numerose pause. Da il meglio di se in porta, stoppando diverse conclusioni a botta sicura.

Tazzina 6,5 realizza con opportunismo le prime due reti dei suoi, poi arretra il raggio d’azione. Impatta diverse "bombe" di Arrighe e dispensa qualche buon suggerimento, ma parla troppo in campo col solo risultato di innervosire i compagni invece di stimolarli, destabilizzando così la squadra.

Filter 6+ sembra aver risolto i problemi con lo stop, e il suo gioco ne guadagna. Discretamente mobile, infila la rete deviando una conclusione sballata del Tutina e induce Arrighe all’autorete.

Cavallopazzo 6 il ritorno nella sua vecchia compagine non gli giova, e si perde un po’ nella confusione tattica che impera. Si muove prevalentemente sulla fascia sinistra con la consueta generosità, ma riesce raramente ad entrare nel vivo del gioco.

Tutina 6- contraltare di Cavallopazzo a destra, gioca più palloni di quest’ultimo, ma la qualità rimane quella che è. Non commette strafalcioni, ed è già qualcosa, e non spreca nemmeno troppi palloni, però da lui vogliamo più grinta in difesa.

MezzaTuta 6 come di consueto sostituisce il genitore nelle battute finali. Si muove con disinvoltura sul fronte offensivo, cercando il dialogo con i compagni, alternando alti e bassi dovuti più che altro all’inesperienza. Se il buon Tutina gli facesse seguire un adeguato programma fisico…

riepilogo gol -
Borgo: arrighe 6 calimero 5 geko 1
Real - tazzina 2, ercocccia 2, filter 1 + 1 autorete



Risultato del 6/10

REAL TAZZINA – BORGOGEKO = 8-3

Di nuovo tutti i "titolari" in campo dopo diverso tempo, ma il livello del gioco non decolla. Partita mai in equilibrio, a senso unico a favore del Real, che stavolta si dimostra squadra più compatta, pronta a sfruttare i marchiani errori degli avversari, aspettando che le loro sconclusionate azioni si concludessero con la palla recapitata gentilmente sui loro piedi, e di lì depositata in rete.

REAL TAZZINA

ErCoccia 7,5 fu vera gloria o solo un implacabile cinismo (unito ad una non trascurabile fortuna nei rimpalli), che lo porta a sfruttare gli innumerevoli errori e leggerezze degli avversari in fase di impostazione e di disimpegno? Ai posteri l’ardua sentenza, fatto sta che buca la porta avversaria 6 volte e almeno altrettante occasioni si procura, grazie anche alla sua velocità e perizia nel dribbling rapido.

Denver 7 il turno di riposo gli fa bene, e riconsegna al campo un difensore attento, pulito nell’impostazione e deciso nei recuperi. In porta si concede anche un paio di parate spettacolari su conclusioni a botta sicura.

Tazzina 6,5 lascia la scena a ErCoccia sul fronte delle conclusioni, gestendo in buona parte i contropiedi dei suoi, e servendo diversi palloni invitanti ai compagni, efficace come punto di riferimento per i triangoli e le imboccate.

Nobita 6,5 buon dinamismo e disciplina tattica, presidia la fascia di competenza con sicurezza, sacrificandosi anche in un lavoro sporco di copertura, oltre che nella consueta fase di spinta.

Tutina 6,5 in serata di buona vena, esce vincente, a volte inconsapevolmente, da diversi duelli palla al piede a centrocampo. Ciò gli infonde fiducia, che gli permette di gestire con tranquillità anche le altre fasi del gioco.

Mezza Tuta 6 stavolta è oscurato dalla prestazione del genitore. Entra quando la partita potrebbe, almeno sulla carta, ancora essere recuperata dal Borgo, ma assiste allo sciogliersi degli avversari, senza però approfittarne come potrebbe, sprecando qualcosa di troppo sotto porta.

BORGOGEKO

Geko 6,5 due gol, l’assist per il gol del Bonzo, almeno tre palloni tolti dalla porta su conclusione di ErCoccia, un costante proporsi, inutilmente, per l’appoggio facile, ma ha il torto di abbattersi troppo presto, presagendo con anticipo la rovina a cui si avviava il Borgo.

Cavallopazzo 6,5 come sempre l’ultimo ad arrendersi, questa volta il suo generoso dinamismo non riesce a compensare l’immobilismo e gli errori dei compagni. Cresce nella ripresa, capendo come appoggiare il gioco (suoi gli assist per i gol del Geko), ma la situazione si dimostra irrecuperabile.

Simotto 6+ forse è il primo a capire l’andazzo pessimo della serata, e infatti non spreca nemmeno il fiato in inutili richiami ai compagni. Come sempre fa il suo, e prova anche a sdoppiarsi di ruolo per sopperire alle carenze della squadra, ma è un compito velleitario.

Bonzo 4,5 si presenta in versione "palo vivente", immobile e poco reattivo, un paracarro che si imbottiglia in zone di campo congestionate dagli avversari, perdendo palla e guardandoli poi ineffabilmente filargli davanti verso la porta. Gli si presenta comunque qualche occasione, ma privilegia la potenza alla precisione e centra con pervicacia il portiere avversario.

Gabibbo 4,5 se fosse stato in condizioni "normali" , nonostante l’immobilismo del Bonzo, la partita sarebbe stata più equilibrata; invece, sin dalle prime battute, si dimostra fuori fase, e di molto anche, consegnando suoi piedi dei tazzinari una miriade di palloni, di cui una buona percentuale, giocoforza, viene trasformata in rete. Questo lo abbatte definitivamente, rendendolo pallido anche in difesa.

Riepilogo gol
Real: ercoccia 6 tazzina 1 tutina 1
Borgo: geko 2 bonzo 1



Risultato e pagelle del 13 Ottobre 2011
REAL TAZZINA - BORGOGEKO 2-4

Serata ottima, temperatura ideale, campo asciutto e pallone nuovo (subito accantonato e recuperato il vecchio, che comincia a cedere di brutto...)

Le squadre si schierano in campo:

Realtazzina
tazzina, tutina, denver, , ercoccia, nobita

Borgogeko
simotto, gabibbo, cavallopazzo, doraemon, calimero






risultato 27 Ottobre
Rieccoci in campo dopo una sosta forzata causa pioggia;
Squadre confermate con l’unica assenza di lusso del Geko che causa un torcicollo fastidioso preferisce riposare!!
Partita piacevole e squadre equilibrate, decidono errori tattici e poca precisione nei tiri in porta!!!

REAL TAZZINA vs ATLETICOBONZONIA 7-4

DENVER: 7
Colonna centrale della sua difesa e infatti appena si sposta in fase offensiva la sua squadra è molto più penetrabile.

TUTINA: 6
In qualche modo cerca di aiutare i compagni sia in difesa che in attacco dove riesce anche a segnare con un bel tiro ma sono evidenti i tanti errori nel controllo palla e nei movimenti senza palla…è inutile correre a vuoto!!

TAZZINA: 7-
Ha sempre intuizioni buone per i compagni con passaggi filtranti ma più statico rispetto le scorse prestazioni….forse la corsa di Cauccia (anche in alcuni casi inutile) lo appanna leggermente; buoni i suoi tiri in porta di cui uno lo premia con un bel gol in diagonale!!

CAUCCIA: 7=
Ha dalla sua parte la corsa e la velocità ma deve maggiormente cercare i compagni in particolare quando parte da dietro…..prende un bel gol dal Bonzo con uscita dai pali quasi inutile!!!

NOBITA: 7-
Denota poca concentrazione mentre gioca ma riesce comunque ad essere sempre presente nelle occasioni più importanti quali recuperi, rimpalli, parate e anche con tiri da fuori!!

BONZO: 7
Molto mobile, sembra un altro rispetto all'ultima prestazione. Realizza due gol, uno bello ma su cui non mi esprimo se era uno stop o no dato che ero in porta. Prova più volte il tiro e non trova il feeling giusto con Umberto/Savoia. Sicuramente il migliore della sua squadra.
by Simotto


CAVALLOPAZZO: 6,5
Anche se gioca con un ginocchio dolorante, corre e si propone come offensivo;
si propone anche con tiri da fuori e con bei dialoghi sia con il bonzo che con Savoia;
cerca anche di azzeccare dei movimenti senza palla che prima non avrebbe mai fatto;
Da dimenticare la sua prestazione in porta!!


SIMOTTO: 6,5
Gioca tranquillo e con calma; azzecca anche un gol che poi era un passaggio per il Bonzo; in alcune occasioni in affanno nei recuperi e in alcuni casi saltato dagli avversari!!

SAVOIA: 5
Paga il parecchio tempo che non gioca (almeno con noi) e con il pallone scivoloso è lui che maggiormente ne soffre sia nei tiri che negli appoggi;

GABIBBO: 6+
Non il solito muro in difesa e cicca molti passaggi che invece potevano risultare facili e decisivi; scende spesso in attacco e questo viene premiato da un gol dopo un bel dialogo con il bonzo!!

GOL:
Bonzo 2
Gabibbo 1
Simotto 1
Denver 2
Coccia 2
Nobita1
Tutina 1
Tazzina 1





Risultato del 3/11
REAL TAZZINA - BORGOGEKO = 12-7

Partita in onore del mezzo secolo (dicasi mezzo secolo!) compiuto dal prode Tutina, che a fine gara rinfresca le anime e i corpi dei partecipanti con un ottimo spumantino accompagnato da patatine e noccioline. Gradisce particolarmente il coetaneo Cavallopazzo, che triplica la bevuta e chiude la serata impastato e biascicante come non mai.
Veniamo alla gara: mai veramente in equilibrio, il Real prende il largo già nel primo tempo, subendo la prima rete dopo averne fatte 5, e mantenendo sempre almeno un vantaggio minimo di 4 reti, nonostante i convulsi e tardivi tentativi di recupero finali da parte del Borgo, in cui troppi uomini sono apparsi giù di corda.

REAL TAZZINA

ErCoccia 7,5 anche se al cospetto di avversari decisamente sotto tono, decide le sorti della partita con le sue accelerazioni devastanti, sgusciando via immarcabile e piazzando conclusioni angolate imparabili. Vista la serata di ottima vena, si concede un pizzico di egoismo, non rinunciando alla giocata personale neanche a risultato deciso.

Nobita 7 generoso e un po’ arruffone in campo, presidia la zona di competenza in maniera diligente in entrambe le fasi, anche se senza grosse impennate. Da il meglio di se in porta, allungandosi felinamente a respingere le conclusioni avversarie, regalando un po’ di spettacolo alla platea.

Denver 7 difensore centrale implacabile, ferma con le buone o con le cattive sia Cavallopazzo che il Bonzo, anche se soffre più la tecnica di quest’ultimo che la mobilità del primo.

Tazzina 7 fluttua tra il centro e la fascia, riduce il numero di conclusioni e il gioco della squadra ne guadagna. Cala un po’ di tono nel finale, ma rimane lucido nella gestione della palla.

Tutina 6,5 festeggia la mezza fella segnando il primo gol della serata con un preciso colpo di testa su calcio d’angolo, e spende le energie derivanti dall’entusiasmo correndo all’impazzata per tutto il campo. Saggiamente, quando avverte i primi segnali di fatica, lascia il campo all’erede, proprio nel momento di maggior pressione del Borgo.

MezzaTuta 6- entra nel momento di maggior pressione del Borgo, alterna qualche ingenuità difensiva a buone discese palla al piede, ma si divora due grosse occasioni da gol, di cui una clamorosa, praticamente dentro la porta.


BORGOGEKO

Bonzo 6,5 meno brillante della scorsa settimana (forse appesantito a causa della quantità eccessiva di insaccati ingerita nel pomeriggio), rimane comunque l’uomo più pericoloso dei suoi, l’unico in grado di concludere con pericolosità verso la porta avversaria e di cucire il gioco offensivo.

Cavallopazzo 6 moto perpetuo, si muove con generosità finanche eccessiva su tutto il fronte d’attacco, andando spesso a pestarsi i piedi col Bonzo. Reinserito in un binario tattico più consono, delegato alla marcatura del Coccia, un contributo adeguato, eliminando la parte confusionaria a tutto vantaggio di un canovaccio tattico efficace.

Simotto 6- spesso defilato dalla manovra, offre una prestazione pallida, con pochi spunti degni di nota, un "compitino" nobilitato in parte da qualche intervento difensivo determinante e tempestivo.

Geko 6- al rientro dopo 3 settimane, da l’idea di raccapezzarcisi poco, reggendo bene fisicamente, ma perdendo il Tutina in occasione della prima rete e sbagliando troppi passaggi. Nella prima fase di gara ha sui piedi le occasioni più nitide dei suoi, grazie a buoni inserimenti, ma non riesce a fare meglio di scaraventare la palla in fallo di fondo. Cresce nella ripresa, ritrova la misura dei passaggi, un pressing concreto e due reti, ma ormai è fuori tempo massimo.

Gabibbo 5,5 timido e impacciato, non sfodera i suoi anticipi perentori e viene saltato con troppa facilità. Poco lucido nell’impostare la manovra, segna la prima rete del Borgo, ma non riesce a ripetere l’exploit in altre occasioni che gli capitano.


Riepilogo gol
Borgo – bonzo 4 geko 2 gabibbo 1
Real 1 autorete, 7 ercoccia, 1 tutina
Real 1 autorete, 7 ercoccia, 1 tutina …e poi boh
2 tazzina, 1 mezzatuta











Risultato del 10/11
BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 2-1

No, non avete letto male, il risultato è proprio quello indicato, figlio di una partita equilibrata, avara di occasioni limpide, e costellata di imprecisioni, causate in buona parte dal terreno inzuppato di umidità, che rendeva il pallone spesso incontrollabile.
Il Real passa in vantaggio grazie ad uno degli errori difensivi che ormai sono diventati una costante per il Borgo, ma non riesce a capitalizzare il vantaggio, impantanandosi spesso sulla tre quarti e subendo così l’iniziativa avversaria, che spingono con buona lena ma anche tanta imprecisione, e riescono prima a pareggiare e poi a passare in vantaggio nella seconda metà di gara grazie alle "sculate" di Calimero, che, misteri e ironie del calcio, si dimostra il più scarso ma al contempo il più decisivo in campo.

BORGOGEKO

Cavallopazzo 7 inquadrato tatticamente, risulta essere il più incisivo dei suoi, limitando in maniera efficace ErCoccia, pressano e recuperando palloni, e infastidendo gli avversari su tutto il fronte d’attacco. Non segna, ma è decisivo più di Calimero.

Bonzo 6,5 lascia a Calimero e a Cavallopazzo la posizione più avanzata, e si defila sulla fascia, sottraendosi così alla marcatura molto fisica di Denver. Non manifesta troppi problemi nel controllo palla, la fa girare in scioltezza, e riesce a infilare qualche buona imbucata, ma forse rimane troppo sulle sue invece di affondare il colpo.

Geko 6,5 si cala perfettamente in una gara molto tattica, raddoppiando la marcatura quando necessario, e toccando in effetti relativamente pochi palloni, risultando però determinante coi suoi movimenti senza palla che creano lo spazio per i compagni.

Gabibbo 6,5 in progresso rispetto alle ultime esibizioni, ma non ha ancora ritrovato la consueta sicurezza negli interventi difensivi. Ad inizio gara infatti sbanda paurosamente e svirgola non pochi palloni; cresce col passare dei minuti e, insolitamente, è il borghigiano che conclude di più verso la porta avversaria, cogliendo un palo e assistendo involontariamente Calimero con un tiro sballato in occasione della seconda rete.

Calimero 6 si conferma di una pochezza tecnico-tattica impressionante, litigando costantemente col pallone e non alzando mai la testa, sbattendo contro gli avversari come una mosca contro il vetro. Gli si riconosce comunque una certa applicazione nella fase di copertura, e una buona sorte imbarazzante, che lo porta a siglare entrambe le reti che fruttano la vittoria.


REAL TAZZINA

Tazzina 6,5 sfrutta alla grande un liscio del Gabibbo e segna la prima (e unica) rete dei suoi. Prova a ripetersi in occasioni simili, ma non trova alternativamente potenza o precisione.

ErCoccia 6,5 ben limitato da Cavallopazzo, soffre la sua marcatura ossessiva, e, complice anche il pallone scivoloso, non si produce nei suoi allunghi spacca difese. Si procura comunque qualche buon tiro, ma la precisione non è da cecchino.

Nobita 6,5 su e giù sulla fascia, non viene servito quanto meriterebbe, però così facendo crea alternative di passaggio ai compagni. Quando è in porta non subisce un vero e proprio bombardamento da parte del Borgo, però ha il merito, in una gara avara di emozioni, di stoppare le conclusioni più insidiose.

Denver 6+ non ha un vero proprio riferimento da marcare, perché Calimero, Cavallopazzo e a volte il Bonzo si scambiano ripetutamente posizione. Ciò ne limita l’efficacia difensiva e le sortite in avanti. Inspiegabile il nervosismo nel finale al fischio di chiusura (preannunciato) del Gabibbo.

Tutina 6 in una serata di lisci e svirgolate, le sue carenze tecniche passano inosservate, anzi, il suo piede ruvido si dimostra più efficace nello spazzare e nel rinviare lungo. Senza il cambio fornitogli dall’erede mostra un po’ la corda nel finale.

Riepilogo reti (stavolta è difficile sbagliare…)
Borgo – calimero 2
Real – tazzina 1





Risultato e pagelle 17 Novembre 2011

Real Tazzina - Borgogeko 5-3

Voti

Simotto: Potrebbe fare di più, non demerita ma non oltre il 6. Voto severo.
Gabibbo: Grintoso ma un paio di grossolane leggerezze. Tira spesso e realizza anche. 6.5
Cavallopazzo: Corsa, sostanza, parate, grinta, urla e delusione. Quella di vedere i giovanotti fermarsi. Spesso libero ma ignorato dai compagni (giovani). 6.5 Voto urlato.
Calimero: è lui, gioca cosi e neanche mi è dispiaciuto troppo ieri sera. Se la passasse di più, si guardasse di più intorno e non cercasse solo Doraemon... 6+
Doraemon: Buona partenza ma breve durata. Mi quoto: Se la passasse di più, si guardasse di più intorno e non cercasse solo Calimero... Sottoporta, nel secondo tempo, sembra molto disorientato. 5.5

Denver: baluardo difensivo che non disdegna sortite in attacco, anche con gol. Si mangia Calimero nello scontro ultimo difensore / primo attaccante. 6.5 Voto pieno.
Tazzina: tira e tiene in gioco la squadra facendo un ottimo lavoro in attacco. L'attacco del Real dipende da lui. 7-
Tutina: sempre di corsa ma impreciso più del solito. Tenta il gol del secolo ma non gli riesce. 6
Filter: Buon controllo palla, cresce di personalità, si propone e cerca lo scambio. Compie un errore da ultimo difensore che porto il Borgo al momentaneo 3-4. Voto 6+
Nobita: Buona corsa, punta l'uomo e lo salta in velocità, conclude bene verso la porta e compie miracoli nel suo turno da portiere. 6.5 Voto pieno.
Gol Realtazzina:
tazzina 2
Denver 1
Filter 1
Nobita 1




Risultato del 24/11

BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 4-1

Serata gradevole, non troppo fredda né umida, ma il gioco espresso dalla compagini in campo non se ne giova particolarmente, visto che la partita si dimostra avara di tattica e di spettacolarità. Molto più ordinato il Borgo, che prende subito in mano le redini della gara, ma si perde sovente sui piedi di Calimero, che sembra vittima di un incantesimo che lo porta a vanificare le occasioni più nitide, mentre il Real si aggrappa alle invenzioni dei singoli e alla parate di Nobita per restare a galla, ma è veramente troppo poco per sperare di più che una sconfitta decisamente netta.

BORGOGEKO

Cavallopazzo 7 irrefrenabile, corre su tutti i palloni che si avvicinano anche parzialmente alla sua zona di competenza. Tutta questa irruenza, che avrebbe potuto in alcuni casi essere addirittura controproducente, viene convogliata nei giusti binari grazie all’ordine tattico dei compagni, e così il vecchio combattente si trova spesso al posto giusto al momento giusto, pronto a contrastare, ripartire e concludere.

Simotto 7 pimpante e sempre nel vivo del gioco, come da tempo non gli capitava, non si sottrae alle incombenze dell’impostazione e gioca così un gran numero di palloni. Anche in porta risfodera i riflessi da vecchio boxeur, ergendosi a saracinesca invalicabile. Prova spesso la conclusione ma con esiti modesti.

Geko 6,5 la geometria fatta calciatore, un metronomo che non spreca un pallone e taglia il campo con suggerimenti semplici ma non banali, sacrificando la ricerca della gloria personale per far segnare i compagni, cosa che gli riesce con il gol del Gabibbo, ma che naufraga più volte per via dello scellerato Calimero.

Gabibbo 6,5 serata tutto sommato tranquilla, gli attaccanti avversari non creano troppe preoccupazioni e li controlla agevolmente, concedendosi così qualche sortita offensiva supplementare, che lo premia col primo gol della serata.

Calimero 5,5 sembra indossare scarpini di marmo, che non gli concedono un tocco o un passaggio che sia in qualche modo addomesticabile per i compagni, usando spesso la punta quando potrebbe appoggiare tranquillamente di piatto. Le sue appendici marmoree non lo aiutano neanche quando si trova, più volte, a tu per tu col portiere, impantanandolo prima ancora di giungere alla conclusione. Segna comunque 2 reti, frutto dell’ottimo lavoro della squadra.

REAL TAZZINA

Tutina 7 gioca al meglio delle sue tutesche possibilità, rivelandosi a sorpresa il più pericoloso nelle conclusioni, con l’unico gol con tiro al volo dalla destra, e sfiorando il bis con altre due conclusioni simili. Anche nella circolazione della palla esibisce appendici più morbide di quelle di Calimero, chiudendo positivamente diversi triangoli.

Bonzo 6,5 si trova a dover essere il valore aggiunto in una squadra con la quale ha poca confidenza, e infatti le sue giocate, anche se pregevoli dal punto di vista tecnico, si perdono in una confusione tattica che non le esalta, come invece avviene quando si trova nelle più rodata compagine borghgiana. Va avanti a fiammate che si perdono nel nulla, condite da qualche buona parata.

Nobita 6,5 in campo si dimostra farraginoso, fuori dalla manovra e poco incisivo fisicamente, di certo da insufficienza in pagella. Fa lievitare, e di molto, la sua prestazione con i turni in porta, che, grazie ad interventi felini, tengono a galla il Real, impedendogli di subire una sconfitta di proporzioni maggiori.

Tazzina 6- non riesce a far girare una squadra che soffre troppo le assenze di ErCoccia e Denver, mantenendo una posizione troppo avanzata quando invece sarebbe stato meglio che avesse preso il posto di ultimo uomo con funzioni difensive e di impostazione. Non trovando sbocco nelle azioni offensive si incaponisce con una serie di tiri da fuori, che rimangono piuttosto velleitari.

Filter 5+ si presenta con una acconciatura alla Balotelli, ma lo si ricorda solo per quella. Fa molto movimento in campo, ma non emerge dal grigiore, viene servito poco e non riesce a recuperare palloni. Quando gli capita l’occasione buona, forse troppo sorpreso, la strozza malamente.

Riepilogo gol
Borgo – gabibbo 1 cavallopazzo 1 calimero 2
Real – tutina 1





risultato 01/12/2011

Torniamo in campo il primo giorno di Dicembre e anche se la temperatura non è bassissima, circa 12 gradi, in campo c’è tanta umidità e verso metà partita ci vorrebbe un pallone giallo anti-nebbia….comunque si gioca!!!
Realtazzina-Borgogeko 7-7

REALTAZZINA:

ERCOCCIA: 7
È l’uomo + pericoloso della sua squadra perché mantiene una costante mobilità in campo partendo anche da dietro;
è però anche l’uomo che in fase d'impostazione continua a sprecare molto sia nel dialogo con i compagni, sia nelle conclusionI e in particolare nel "vizio" di giochetti sterili!!

DENVER: 7-
Torna la colonna portante della squadra e si nota in particolare quando le "giovani sostituzioni" tentano di affondare;
poco presente in fase offensiva e quando ci si mette non viene servito;
si ricorda qualche tiro da fuori dei suoi ma fuori mira!!

TUTINA: 6
Sempre risorsa generosa, corre e cerca di proporsi in fase offensiva però con scarsi risultati;
anche in fase difensiva cerca di aiutare la squadra….forse dovrebbe essere maggiormente cercato dai suoi compagni!!

NOBITA: 6,5
Le sue qualità si evidenziano in particolare tra i pali;
denota una corsa costante ma poca precisione nella gestione palla;
è comunque il primo a partire per aiutare i compagni in difesa anche quando perdono palla!!

TAZZINA: 6,5
Ormai la sua posizione è consolidata nella metà campo avversaria e questo se da una parte comporta rilevanti ripartenze, d’altra parte manda in sofferenza la sua squadra in fase difensiva (non si copre semplicemente camminando); forse per la mancanza del suo turno in porta dovrebbe recuperare maggiormente per poi ripartire;
troppe conclusioni da fuori appena prende palla;
buoni alcuni suoi passaggi filtranti che mettono i compagni davanti la porta avversaria!!

BORGOGEKO:

BONZO: ****

SIMOTTO: 7-
Bene in fase difensiva e nel tornare;
si nota una certa crescita individuale nel superare l’uomo ( nelle ultime partite prende coraggio a saltare l’uomo per poi convergere) sulla sua fascia;
si propone anche in dialoghi in fase offensiva e viene premiato con un gol di tacco in un’azione impostata dal bonzo definita dallo stesso "azione a tre tocchi"!!!

FILTER: 5,5
Ci sono le basi per dare molto di più ma sembra giocare spaesato e notevolmente condizionato dal campo bagnato e pallone viscido;
si propone nei dialoghi ma proprio questo suo timore nel giocare lo porta a sbagliare;
decide di seguire a uomo il coccia ma spesso lo perde!!

GABIBBO: 6.5
Il suo maggior sostegno è espresso in fase difensiva in particolare nei contrasti;
si alterna con il bonzo anche in fase offensiva cercando conclusioni da fuori;
importante la sua volontà ad impostare il gioco quando il bonzo è spostato in avanti!!

DORAEMON: 5,5
Sicuramente molto più concentrato del suo compagno Filter ma in questo caso i troppi errori sono dovuti a voler strafare in giocate semplici e ad essere superficiale in giocate importanti;
bene qualche sua conclusione da fuori e il gol del pareggio anche per merito del bonzo che lo trova libero in area avversaria!!

Per le reti fatte i ricordo così ma non sono sicuro:
Borgogeko:
bonzo 3 gol
simotto 1 gol
doraemon 3

Realtazzina:
Denver 1 gol
Tazzina 1
nobita 2? (o 1)
coccia 2 (o 3)












Risultato e pagelle Martedi 6/12/11
Real Tazzina - Borgogeko 3-3

Anomalo turno di martedì, che vede così la sparizione di diversi titolari e la riesumazione di assenti di lunga data. Formazioni rimaneggiate, con Arrighe che si aggrega ai vecchi compagni del Borgo, che, per compensare il suo strapotere fisico, arruolano anche Tutina e il redivivo Crucco, riuscendo bene, pire troppo, nel proposito di equilibrare le compagini. Infatti in campo è il Real che mena le danze, sfrutta gli scellerati passaggi orizzontali degli avversari e si presenta più volte a tu per tu col portiere. Il Borgo soffre, riamane per lungo tempo in svantaggio 2-1, raddrizza al situazione a poi passa in vantaggio con due guizzi di Arrighe, ma subisce immediatamente il pari causa l’unica imprecisione di Simotto, che calcola male la traiettoria su rasoterra velenoso di Nobita.

BORGOGEKO

Arrighe 7 tiratissimo e iperallenato, manca del ritmo partita che cerca di acquisire nella palestra che lo ha formato come calcettaro. Sprinta con veemenza, e gli avversari (e anche i compagni) faticano a stargli dietro.

Simotto 6,5 partita come suo solito attenta e concreta, priva di fronzoli, tentando, spesso invano, di dare un ordine a qualche compagno indisciplinato. Peccato per lo sfrotunato gol subito nel finale.

Geko 6+ poco a suo agio nella gestione della palla, non riesce ad illuminare il gioco come suo solito. Crea molti spazi per i compagni, che però non sono così pronti nello sfruttarli. Guadagna punti rendimento con alcune parate che ne esaltano tempismo e riflessi.

Crucco 5,5 al rientro dopo tempo immemore, regge fino al termine (ed è già una notizia), ed oscilla costantemente tra la buona giocata ed il disastro, e similarmente riconquista un buon numero di palloni salvo poi perderli banalmente. Segna la prima rete dei suoi, poi scompare un tra i fumi del suo poco arrosto.

Tutina 5,5 il cambio di casacca sembra galvanizzarlo, ma l’euforia che lo pervade lo porta a commettere troppe leggerezze in fase di palleggio. Si muove parecchio, ma lo fa nella maniera errata, tralasciando sovente di seguire l’uomo che gli ruba la palla.


REAL TAZZINA

Tazzina 7 si cala perfettamente in una squadra composta di corridori, e sfrutta con buon esito gli spazi e le soluzioni di passaggio fornitegli dal movimento dei compagni. Segna sfruttando una dormita dei borghigiani su angolo, coglie una traversa e sferra altre conclusioni pericolose.

Denver 6,5 roccioso difensivamente, "sporca" una gran quantità di lanci che avrebbero messo gli avversari in porta se fossero stati completati. Con una delle sue discese a valanga terminate con conclusione chirurgica sigla la seconda rete dei suoi.

Cavallopazzo 6,5 porta la sua corsa instancabile nel nuovo contesto tattico, in una posizione di maggior sacrificio che gli concede meno occasioni di salire alla ribalta. Se solo imparasse a usare il piede sinistro almeno per stoppare la palla, l’efficacia del suo gioco lieviterebbe sensibilmente.

Nobita 6,5 crea spazi, si propone per i triangoli, da una buona mano in copertura. Efficace in porta, anche se stavolta in stile un po’ naif, ha il merito di riportare la sua squadra in parità proprio sul filo di lana.

Doraemon 6 fa un po’ le veci di ErCoccia, sgommando sulla fascia, a volte con dribbling ubriacanti, che però spreca con conclusioni ciabattate o troppo forzate. Se alzasse la testa la metà delle volte sarebbe già sufficiente.

Riepilogo gol
Borgo - arrighe 2 crucco 1
Real - tazzina 1 nobita 1 denver 1








Risultato del 15/12

BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 6-6

Ancora un pareggio , il terzo consecutivo, tra le due compagini, sintomo di un grande equilibrio e di formazioni composte con criterio. Il Real si porta in vantaggio dopo pochi secondi grazie ad una dormita dei borghigiani su angolo, il Borgo accusa il colpo, ma riesce a recuperare e a portarsi in vantaggio, senza mai però prendere il largo definitivamente, arrivando al massimo vantaggio sul 5-2. I tazzinari non demordono e recuperano 2 reti, salvo vedere allontanarsi ancora gli avversari di 2 lunghezze; la partita sembra segnara, ma il Real trova insospettabili energie nervose che lo portano al pareggio nelle battute finali, complice un Borgo troppo poco accorto nel difendere il risultato.


BORGOGEKO

Bonzo 7+ gioca in scioltezza, è in buona serata sul piano del dribbling (anche se talvolta ne abusa), le azioni d’attacco passano dai suoi piedi e conclude con efficacia, segnando addirittura un gol di destro. Peccato per la dormita che al primo minuto consente al Tutina una facile segnatura.

Simotto 7+ prende la posizione del Gabibbo, difende tenacemente, intercetta conclusioni a tutto spiano e fa ripartire velocemente l’azione. Qualche sortita offensiva, premiata dall’autorete del Tutina che lo vede protagonista.

Geko 7- risfodera l’antica efficacia difensiva, chiudendo rapidamente sugli avversari e recuperando diversi palloni. Piede vellutato, "pirleggia" più volte, servendo morbidi lanci ai suoi compagni d’attacco. parata da urlo sul Tazzina, ma come sempre le brume invernali inaridiscono la sua già scarsa vena realizzativa.

Filter 6,5 gran movimento, buona personalità, riesce a fornire ai compagni spesso una buona alternativa per il passaggio. Ancora qualcosa di rivedere tatticamente, la giovane età lo porta ad essere disordinato in campo, difetto correggibile con il tempo.

Calimero 5,5 l’impegno non manca, le qualità tecniche sono quelle che sono, la condizione fisica è apparsa insufficiente a coprire tutti i 60 minuti. Segna due gol "alla Calimero", si muove volenteroso sul fronte d’attacco, ma ha sulla coscienza il gol preso da Nobita, in parte l’ultimo di Doraemon e una serie devastanet di palle perse che lanciano il contropiede avversario.


REAL TAZZINA

Tazzina 7 boa centrale di riferimento, tocca praticamente tutti i palloni che varcano la metà campo. A volte riesce ad imbucare i compagni, più spesso porta palla e cerca la conclusione. Riesce a segnare due reti, mentre altre volte il portiere avversario ne frustra le ambizioni.

Doraemon 7- la prima parte di gara è tutto uno scivolare, a volte anche dolorosamente, senza riuscire a concludere. Ha il pregio di non perdersi d’animo, di correre fino al termine, e di imbucare due importantissime reti che regalano il pari al Real.

Nobita 6,5 presenza sostanziosa a tutto campo, lascia da parte i fronzoli e bada al sodo, fiondandosi come una furia sulle palle vaganti. Uccella Calimero in gita non autorizzata fuori dai pali con un tiro forte e ben indirizzato.

Denver 6,5 come spesso gli accade passa tre quarti di gara a pattugliare la propria metà campo, facendo valere la stazza nei confronti di avversari più mingherlini. Quando il Real spinge per recuperare sposta i suoi chili e i suoi centimetri in attacco con il giusto impatto.

Tutina 6+ pronti via e segna la prima rete, con inserimento rapido su angolo sfruttando una dormita del Bonzo. Si mantiene vigile per tutto il match, limitando gli strafalcioni, ma sempre partecipe nel vivo del gioco, come dimostra anche l’autorete che lo vede protagonista.


Riepilogo reti
Borgo: bonzo 3 calimero 2 1 autorete
Real: tazzina 2 tutina 1 doraemon 2 nobita 1












Ultima dell'anno [22/12/11]
Borgogeko - Real Tazzina 15-8
Le pagelle

Simotto: si risparmia parecchio quando il risultato è ormai a favore della propria squadra. Si sacrifica da centrale fisso, scende ogni tanto e dispensa qualche assist. E' l'ultimo dei borghigiani a segnare con un tiro preciso tra portiere e palo. 7
Otto: gioca imbottito temendo il freddo; ritrova subito il feeling con il pallone e con il gol. Certo la sua "fame" lo porta a divorarsi diversi gol però si sacrifica molto anche in difesa con ottime ripartenze. 7+
Vacanac: Mancino caldo il suo che trova più volte il gol (anzi facci sapere quanti). Gioca in pantaloncini e sembra non temere il freddo. Cerca spesso lo scambio con i suoi compagni di squadra e prova il tiro anche di destro ma con pochi risultati. 7+
Savoia: Arriva vestito da Manny ma puntuale, mezzo punto in più. Gioca con la sua tecnica superiore a 3/4 della squadra, dinamismo, interventi decisi e si scusa sempre quando mette in difficoltà il compagno di squadra. Anche lui va in gol due o tre volte e anche lui si divora "sto monno e cquell'antro". 7.5
Cavallopazzo: NON si risparmia neanche quando la partita è finita! Nasconde delle pile ricaricabili non so dove e neanche le ispezioni corporali subite sotto la doccia le hanno trovate. Notiziona: aveva le ciabatte! Tornando alla partita, Cavallopazzo è stato di un dinamismo, di un'atleticità senza eguali ieri sera. Ma non solo corsa, anche buone intuizioni, passaggi, tiri e un gol, se ricordo bene (chiedo anche a lui conferma). 8



Bero: Risponde alla convocazione alle 17.30 e già per questo meriterebbe un premio. Gioca bene per trenta, quaranta minuti poi si trasforma in un sessantenne amante del ciclismo e in questo la maglia rosa che indossa lo aiuta non poco. Da rivedere in una situazione diversa. 5.5
Tazzina: Guanti e zuccotto, il capitano del Real scende in campo pronto per affrontare il freddo. Agisce da boa d'attacco ma sembra non essere supportato dalla squadra. Idee diverse? Resta il fatto che non è la sua migliore prestazione. 6
Nobita: Il buon Dario mi è sembrato giù di corda. Almeno in due occasioni, su gol subiti, è rimasto fermo perdendo l'uomo. Si può dire che in fase difensiva la sua prestazione è stata insufficente mentre in fase offensiva è stata buona, con degli ottimi spunti. In porta la solita certezza. 6+
Denver: Decisamente colui che ha giocato meglio nel Real. Ottimo in fase difensiva e molto buono in attacco. Qualche errore negli appoggi e nelle conclusioni ma a volte è stato anche sfortunato a trovare un portiere che non si mette paura quando lo vede caricare il tiro. Dirige bene la squadra se solo gli stessero a dare retta... 6.5
Tuta: Ultimamente ha perso un pò di smalto. E' il primo a segnare con una bell'incursione (ne seguiranno almeno altre due ma non finalizzate). In porta si fa infilare dal sottoscritto, il pallone passa tra lui e il palo. 5.5


Riepilogo gol Borgogeko:
Simotto 1
Otto 4
Cavallopazzo 2
Umberto 3 (da confermare)
Vacanac 5 (da confermare)





Risultato del 12/1/12

BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 9-3

L’anno nuovo inizia con una sonante affermazione del Borgogeko, in una partita in equilibrio solo nel primo tempo, quando tutti i partecipanti in campo devono ancora riprendersi dalle ruggini lasciate dalla lunga sosta e dai troppi panettoni.
I borghigiani sono quelli che alla fine appaiono più in palla, nonostante ben 3 elementi su 5 venissero da uno stop di un mese e più, e nella seconda frazione di gioco impongono il proprio ritmo e organizzazione di gioco agli avversari, che riescono a rispondere solo con fiammate estemporanee.

BORGOGEKO

Bonzo 7,5 i dubbi che aleggiavano sul suo stato di forma si dimostrano infondati (merito forse del doping assunto nel pomeriggio?), e il nostro folleggia su tutto il fronte d’attacco dimostrandosi molto pimpante, una prestazione convincente condita da gol e assist, anche se qualche volta eccede in personalismi.

Geko 7 anche lui in buona forma, fornisce il consueto contributo tattico e dinamico, recuperando diversi palloni sulla tre quarti avversaria, servendo diversi assist e dimostrando una buona intesa col Bonzo, grazie alla quale segna due reti.

Simotto 6,5 solita prestazione ordinata, stenta un po’ all’inizio a ritrovare dimestichezza con la gestione della palla. "Mura" parecchie conclusioni avversarie, e si regala la gioia di un gol-beffa con un cross dalla sua metà campo che uccella lo svagato Filter.

Cavallopazzo 6,5 la sosta gli ha fatto dimenticare i rudimenti tattici appresi nella prima fase della stagione, e sospinto dalla voglia di giocare repressa, irrompe irrefrenabile in tutte le zone del campo, cercando di arpionare ogni pallone ma fatalmente squilibrando la squadra. Come sempre gli accade, non appena dichiara a piena voce l’intenzione di giocare a oltranza, si fa male, stavolta alla mano, che immerge poi mestamente nella fontana all’ingresso.

Gabibbo 6,5 anche lui inaspettatamente tirato a lucido, si dimostra implacabile nell’anticipo, e insolitamente propositivo in attacco, sintomo di una buona condizione fisica. Altrettanto inaspettatamente però latita in qualche occasione nel gioco aereo.


REAL TAZZINA

Denver 6,5 come sempre è l’ultimo dei suoi ad arrendersi. Irriducibile nelle chiusure difensive, si propone con irruenza anche in attacco, realizzando due reti.

Tazzina 6 primo tempo abulico, alla ricerca della posizione e delle conclusioni, che sono tutte sballate. Nella seconda metà di gara cresce di livello, trova di nuovo la porta (e la sua inutile vis polemica), ma non riesce a dare continuità al suo gioco.

Nobita 6- gli scarpini nuovi fiammanti lo illudono di essere il nuovo Lamela, ma rischia troppo, perdendola, cercando di uscire dalla sua metà campo palla la piede. Si arrabatta in ogni zona del campo, ma da la sensazione di non cavare il ragno dal buco (forse per la sua aracnofobia?).

Tutina 6- bardato con un abbigliamento all’opposto di quello di un calciatore, in campo tenta di smentire questa impressione. Si produce in buoni inserimenti, ma al dunque viene tradito dai suoi due piedi sinistri (e dai troppi panettoni ingurgitati).

Filter 5,5 giocatore ancora in fase di formazione, non si è ancora ben capito quale sia la posizione in campo in cui possa rendere meglio. Si muove, rientra in copertura, si propone per il lancio, ma in nessuna occasione risulta incisivo. Dimostra l’idiosincrasia alla porta, spaventandosi in uscita su Cavallopazzo e facendosi così infinocchiare da Simotto.

Riepilogo gol
Borgo : bonzo 3 geko 2 cavallopazzo 1 simotto 1 gabibbo 1 autorete nobita
Real : denver 2 tazzina 1




Risultato del 19/1
BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 10-9

Bella serata per giocare a calcio, clima mite, campo asciutto, e squadre in palla, anche se abbastanza rimaneggiate. Primo tempo equilibrato, con belle giocate da entrambe le parti, anche se in mezzo ad una certa confusione tattica. Il Borgo prende le distanze all’inizio della seconda fase di gioco, maturando un vantaggio massimo di 4 reti, poi considera, erroneamente, finita la partita all’ingresso in campo del vigile Sorrentino, e consente agli avversari di rifarsi sotto nel lungo overtime (toccate le due ore di gioco), salvo comunque portare a casa una vittoria meritata.

BORGOGEKO

Bonzo 7,5 per le fortune del Borgo conferma la sua ottima verve realizzativa, siglando 6 reti (una molto bella di testa) più una "fantasma" (la palla ha varcato o no la linea? Il cronista l’ha vista dentro…). Fallisce un paio di occasioni clamorose, fornisce buone assistenze, ma la concomitante presenza di Calimero è un problema, perché ad un certo punto entrambi smettono di rientrare e lasciano i compagni in difficoltà

Geko 7 il campo in ottime condizioni gli permette di far fruttare il suo lancio vellutato, con il quale mette più volte davanti alla porta i compagni, e, più in generale, di non sprecare una palla, proponendosi spesso per veloci triangolazioni. Recupera una miriade di palloni in pressing, e si sacrifica in copertura.

Simotto 7 buon dinamismo e sacrificio in copertura per coprire le sbavature dei compagni. segna poco, ma i suoi gol in qualche modo si ricordano sempre: dopo il "gollonzo" di giovedì scorso, stavolta sfodera un "golasso" da posizione impossibile che premia la sua abnegazione.

Gabibbo 5,5 troppo svagato in impostazione, regala una marea di palloni (e di occasioni) ai tazzinari, sballando troppi lanci e perdendo palla sulla tre quarti, forse pensando che il retropassaggio sia vietato dal regolamento. Qualche bella chiusura all’ultimo respiro, perde concentrazione nel finale.

Calimero 5,5 il solito arruffone, fa e disfa pasticciando col pallone tra i piedi, tutt’altro che vellutati visto gli "stracci bagnati" che recapita ai compagni. Forse per questo motivo evita accuratamente di passargliela quando sono clamorosamente liberi. Garantisce movimento per la prima parte di gara, salvo piantarsi nel finale.


REAL TAZZINA

Denver 7 roccioso quando si oppone, anche con gli zebedei, alle conclusioni avversarie, gli capita nel giro delle rotazioni di occupare per diverso tempo la posizione di riferimento avanzato, dove sfrutta la sua mole per conquistare spazio e sferrare le sue "puntarole" potenti e precise.

Tazzina 7 la presenza di Crucco lo obbliga ad arretrare il suo raggio d’azione, a muoversi di più, e ne guadagna sia il suo gioco che la gestione della squadra. Fatalmente arriva meno al tiro, però riesce comunque a segnare grazie a due conclusioni tutt’altro che irresistibili grazie ai piedi spalmati di vaselina del Gabibbo e del Bonzo.

Cavallopazzo 6,5 il consueto dinamismo esasperato, produttivo soprattutto in fase di recupero difensivo. Quando avanza palla al piede è difficile da fermare, ma spesso si perde nei suoi stessi vagabondaggi. Talvolta chiede troppo al suo piede caprino, obbligandolo a finezze che gli sono sconosciute.

Savoia 6 ottimo nella gestione palla e nella preparazione dell’azione e della conclusione, pessimo al tiro, che ciabatta invariabilmente senza neanche centrare la porta. Si scuote nel finale, ritrovando incisività, ma "the time is over".

Crucco 5,5 poco mobile come consuetudine, si accende con fiammate improvvise, sbucando dal nulla su palloni vaganti oppure concludendo velenosamente col suo mancino. Purtroppo latita nelle occasioni che contano, arrivando spesso con un attimo di ritardo.


Riepilogo reti
Borgo : bonzo 6 calimero 2 geko 1 simotto 1
Real : cavallopazzo 1 savoia 1 crucco 2 ? tazzina 2 ? denver 3 ?





Risultato e pagelle Giovedi 26/01/2012
REAL TAZZINA - BORGOGEKO 7-3
Voti:

tazzina 7, buona alternanza di ruoli, ottima visione di gioco (quella che è mancata al Borgo) e un bel gol con tiro da fuori.
tutina 6, sufficenza per la vittoria della squadra ma spesso ha sofferto il dribbling e la velocità di Provolino.
maccio 6.5, molto dinamico, volenteroso. Tenta spesso il dribbling, lo spunto personale, purtroppo in qualche occasione avrebbe dovuto passarla. Comunque molto positivo.
savoia 7.5, sicuramente il migliore della squadra, pressing a volontà, ripartenze e ottimi spunti. Un pò impreciso sotto porta.
nobita 7, anche lui ha fatto molto bene le due fasi, attacco-difesa, aggiungendo un'ottima terza fase: quella in porta!

simotto 6.5, fermo come ultimo uomo in difesa, a volte fa il suo a volte potrebbe fare di più. Bene in porta, bruciato solo dal bel tiro del tazzina.
crucco 6++, voto strano? beh, per me ha giocato bene ma dargli 6.5 sarebbe dare lo stesso voto di maccio che ha corso di più e fino alla fine. Crucco ha giocato bene, belle conclusioni ma ha finito troppo presto l'ossigeno.
provolino 6.5, buona prova dell'ultimo mercenario rimediato. Mi è sembrato un pò appesantito, lo ricordavo più magro, comunque quando punta l'avversario spesso lo salta, qualche assist più che buono. Lo limita molto l'affiatamento.
cavallopazzo 6.5, corsa e grinta non mancano e lui ce la mette tutta ma la scarsa durata della partita, secondo me, ne limita assai le sue capacità da maratoneta. Alla lunga fa molto la differenza, ieri sera con gli avversari non stanchi e più tecnici ha dovuto alzare bandiera bianca.
filter 6++, gioca acciaccato e non demerita. Manca di grinta ma risulta abbastanza ordinato. In porta non fa danni ed è già una notizia.

In conclusione, il Real era più affiatato, più tecnico e più tattico. Il Borgo sembrava la squadra delle isole Far Oer, palla lunga e pedale con Crucco fisso accanto al portiere avversario.
GOL REAL TAZZINA: tazzina 2 Nobita 4 Savoia 1




Risultato del 16 febbraio
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 10-13

Terminata finalmente questa imprevedibile allerta meteo i calcettari riprendono l'attività, e nonostante la sosta forzata le condizioni fisiche non sembrano preoccupanti, così come la temperatura e il tasso di umidità, che rientrano nei parametri stagionali.
Partita pirotecnica dal punto di vista delle realizzazioni, con tante belle azioni ma altrettanti svarioni, che rendono pingue il bottino di reti. Real sempre avanti (tranne l'1-0 iniziale del Borgo), e pronto a distanziare immediatamente i rivali non appena questi pareggiavano o si rifacevano sotto. Gara tutto sommato equilibrata, ma vinta meritatamente dai tazzinari, più produttivi e concreti sotto porta.ù

BORGOGEKO

Geko 7 tre settimane di stopo non lo appannano, e rimane sempre il più lucido nel servire i compagni, che infatti manda più volte al tiro, servendoli intelligentemente anche da angolo o fallo laterale. intercetta più di qualche conclusione in difesa e si segnala per un gol impossibile dalla linea di fondo.

Gabibbo 7 la serata lo vede inaspettato goledor con 3 realizzazioni e altre conclusioni pericolose. questa verve offensiva non porta detrimento alla fase difensiva, nella quale si conferma dotato di buon senso della posizione ed anticipo.

Simotto 6,5 la sosta gli ha tolto un pò di brillantezza, e ciò non gli consente di sobbarcarsi al 100% il consueto doppio ruolo di coperture e proposizione sulla fascia. il senso tattico comunque non gli difetta e lo fa trovare spesso al posto giusto, come quando uccella di rapina la difesa avversaria distratta in disimpegno.

Filter 5,5 gli manca sempre il centesimo per fare l'euro: si mouve, si propone, copre, ma ogni volta sembra mancargli quel pizzico di determinazione in più per la conclusione vincente, il passaggio smarcante o il contrasto risolutivo. in porta rivede i fantasmi di Doni.

Doraemon 5,5 buone qualità unite ad una preoccupante immaturità tattica. come all'oratorio si fa invariabilmente calamitare dal pallone, lasciando sempre solo l'avversario diretto, che gode di ampia libertà. in una serata storta sotto questo punto di vista continua ad eccedere con il dribbling e perde palla in zone pericolose del campo. prova a compensare queste mancanze con una buona vena realizzativa e una tigna evidente, ma deve ancora maturare per essere funzionale al "progetto".

REAL TAZZINA

Savoia 7,5 in ottima forma, quando parte a petto in fuori è difficele da fermare. segna e fa segnare, pressa a tutto campo e si fa notare anche in difesa, segno di una avvenuta maturazione mentale che integra le ottime qualità tecniche.

Nobita 7 compensa la scarsa vena al tiro (conclusioni più da rugby che da calcetto) con una prestazione tutta corsa e inserimenti, con diversi triangoli chiusi con i compagni e un'ottima percentuale di passaggi completati.

Tazzina 7 imbuca sapientemente i compagni dalla posizione di boa, gestisce bene la palla e trova diverse conclusioni pericolose verso i pali avversari.

Denver 6,5 si alterna con Savoia da ultimo uomo e tiene botta, anche quella che Filter gli rifila stendendolo (Davide contro Golia...). Efficace nelle sortite offensive, alterna la potenza fisica ad una insospettabile agilità.

Tutina 6,5 concentrato nell'uno contro uno, raramente si fa superare. buoni inserimenti e triangolazioni con i compagni, che lo premiano con il gol (e un'altra volta lo premia Filter...). non al meglio nei turni di porta.

Riepilogo gol (stavolta dovete aiutare in maniera decisiva, erano troppi. metto solo quelli di cui sono abbastanza sicuro)
Borgo: geko 1 simotto 1 gabibbo 3 doraemon 5 (oppure 4 e 1 filter)
Real: tutina 2 nobita 1 denver 3 tazzina 3 savoia 4



Risultato del 23 febbraio
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 9-6

Ancora una serata di tempo buono e di bel calcio, una partita equilibrata e che ha visto svolgersi per tutti i circa 90 minuti emozioni e gesti di pregevole fattura tecnica, che stavolta sono stati decisamente superiori agli errori.
Le squadre rimangono sempre a stretto contatto, con un lieve predominio borghigiano, e le bordate si susseguono da una parte e dall'altra, spesso infrangendosi fragorosamente sui pali.

BORGOGEKO

Bonzo 8 l'unico giocatore al mondo cui giova di più il riposo che l'allenamento. reduce da un mese di stop (e da una settimana di assenza dal lavoro...), si presenta fresco e tonico, la sua azione rimane costante per tutta la partita. è il finalizzatore che occorre al Borgo per concretizzare la consueta mole di gioco prodotta, ma non si limita a segnare, accende anche la manovra mettendo più volte i compagni davanti al portiere.

Gabibbo 7+ di nuovo concentrato al massimo in difesa, memore dell'exploit realizzativo di giovedì scorso prova più volte il tiro, riuscendo alfine a segnare. importante nel finale in porta, con diversi interventi decisivi.

Simotto 7 ha ripreso il passo giusto, e si disimpegna in scioltezza in ogni parte del campo, fornendo un sostanzioso contributo di solidità e applicazione tattica, e segnando anche un bel gol da posizione defilata.

Cavallopazzo 7 porta un pressing forsennato che mette in difficoltà i disimpegni tazzinari, e la sua velocità gli consente ottimi recuperi difensivi. realizza una bella rete con una conclusione incrociata, e sferra altri tiri pericolosi. peccato per quel piede caprino, che gli rende problematici gli stop e ruvidi i passaggi.

Geko 6,5 in condizioni fisiche precarie, stenta a carburare, e va in difficoltà nelle chiusure sui tagli avversari. molto meglio nella fase propositiva, con i giusti tempi negli inserimenti e una gestione intelligente della palla, con passaggi e assist mai banali.

REAL TAZZINA

Tazzina 7,5 fa girare alla perfezione la manovra offensiva tazzinara, imbucando a ripetizione i compagni dopo aver risucchiato il centrale avversario. lima il numero delle conclusioni, privilegiando la qualità alla quantità, ma ciò non gli impedice di segnare, anche di tacco (o polpaccio?o tibia? nenache lui ha saputo dirlo) su inserimento da calcio d'angolo.

Nobita 7,5 prestazione di grande intensità e livello a tutto campo. ficcanti gli inserimenti, precise e potenti le conclusioni, che fanno vibrare anche i pali avversari, e decisive le parate, dove recupera un pò della buona sorte che gli era mancata in attacco.

Denver 6,5 infastidito dal pressing di Cavallopazzo, commette qualche leggerezza di troppo in disimpegno, cosa non da lui. si riprende col passare dei minuti, in un crescendo che però non gli fa trovare il pareggio.

Tutina 6,5 un'altra buona prova, sfruttando le su "tutesche" possibilità. segna la prima rete dei suoi con un bel taglio e una conclusione stranamente di fino. stavolta non ripete l'exploit (Filter gioca con lui...), anche se continua a inserirsi pericolosamente. indeciso in porta, ma i gol subiti non sono da ascrivere a sua colpa.

Filter 6 il ragazzo non progredisce, svolge sempre il compitino, senza far danni ma senza nenache aggiungere qualcosa di più sul piatto della bilancia. non compie vaccate in porta, ed è comunque un progresso, e col suo ginocchio ossuto stavolta abbatte Simotto.

Riepilogo gol
Borgo: geko 1 gabibbo 1 simotto 1 cavallopazzo 1 bonzo 5
Real: tazzina 3 nobita 2 tutina 1




Risultato del 1 Marzo
BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 9-5

Il bel tempo continua ad accompagnare i calcettari in questo periodo, e anche ieri sera si è potuto giocare con temperature primaverili, anche se con un elevato tasso di umidità.
Anche le partite si mantengono su di un livello elevato di gioco, anche se stavolta il Borgo ha forse dato qualcosa di più, e messo subito sul campo una supremazia conservata fino alla fine, nonostante un preoccupante crollo fisico. Da rimarcare la serie di pali che Nobita ha continuato proditoriamente a colpire, e la buona verve del Bonzo, che sembra aver finalmente trovato un feeling stabile con la porta.

BORGOGEKO

Bonzo 7,5 meno pimpante dello scorso giovedì (questa settimana ha lavorato…), dimostra di aver definitivamente inquadrato la porta avversaria. Segna di fino e di potenza, fornisce assist preziosi ed è operativo anche in porta. Qualche leziosismo di troppo in zona pericolosa.

Geko 7 piange il cuore vedendo la sua lucida gestione della palla, i suoi lanci millimetrici e il suo dinamismo tatticamente ineccepibile, e pensare che la nazionale di calcio italiana sia ancora aggrappata a Pirlo.

Simotto 7 lo si rivede sprintare sulla fascia con la consueta finta "alla Delvecchio", e piazzare la zampata vincente, dopo aver controllato con sicurezza la gestione della retroguardia. Decisivo con un intervento in porta, che strozza per l’ennesima volta nella serata l’esultanza di Nobita.

Doraemon 6,5 buona prestazione, senza perdersi nella fumosità che sovente ne appanna l’azione. Più continuo nel primo tempo, durante il quale duetta bene col Bonzo e si spende in copertura, meno incisivo nella ripresa, quando perde qualche pallone di troppo e mostra la corda fisicamente.

Gabibbo 6,5 tranquillo in copertura, fa valere le sue doti di anticipo e i centimetri in elevazione. Lascia a desiderare nella fase di impostazione, sballando la gran parte dei (talvolta) incomprensibili lanci lunghi, privilegiati a sfavore di più comode soluzioni ravvicinate.

REAL TAZZINA

Nobita 7 premio "Calimero" (che non ha niente a che vedere col pessimo Valerio che tutti conosciamo) per la sfortuna che lo attanaglia e lo porta a cogliere pali e traverse da ogni parte del campo. Ha il merito di non abbattersi e dare continuità alla sua azione, ma, forse tradito dagli scarpini che si slacciano un numero esagerato di volte, quando evita i legni centra il portiere.

Tazzina 7 parte rispolverando il vecchio ruolo "alla Mangone", ma la ruggine c’è e si vede, e viene messo in difficoltà più volte dagli squarci che si aprono nella retroguardia. Quando recupera la posizione avanzata da il meglio di se, guidando il tentativo di riscossa dei suoi, che per un po’ sembra addirittura realizzabile.

Cavallopazzo 6,5 tradito dal piede caprino in qualche circostanza di gioco che avrebbe meritato maggior cura, getta il cuore oltre l’ostacolo come suo solito, spendendosi a tutto campo, gestendo praticamente da solo la difesa durante il forcing dei suoi e (udite udite) …parando!

Filter 6+ un osservatore meno attento forse non scorgerebbe grosse differenze dalle ultime prestazioni, mentre invece il giovane sembra imparare pian piano la lezione: più concreto e meno timido nella gestione della palla (anche se limitato dai cronici problemi sullo stop), ha trovato maggior feeling con i compagni, ed è finalmente riuscito a gonfiare la rete.

Tutina 6 mette il suo piede marmoreo un po’ dappertutto, con risultati non sempre esaltanti. Fornisce un buon contributo dinamico, segna sottomisura facendosi trovare pronto sull’assist in area di rigore, ma parecchie volte controlla la palla con la stessa disinvoltura di un paracarro.

riepilo gol
Borgo: geko 1 simotto 1 doraemon 3 bonzo 4
Real: filter 1 tutina 1 nobita 1 tazzina 2



Risultato 8 marzo

REALTAZZINA - BORGOGEKO 7-7

Una serata resa dolce da mille profumi tra i quali quello della mimosa che festeggia la festa della DONNA,
le risorse si presentano in campo un pochino distratti (in particolare il BORGOGEKO) che inizia con una miriade di errori sia nel costruire l’azione sia nelle conclusioni in porta, infatti va sotto di 5 gol (ben 6-1); nella seconda parte di gioco il BORGOGEKO si ricompone e prende la mira per segnare (in particolare il Bonzo), riesce a pareggiare e passare in vantaggio per poi pareggiare su un ultimo tiro del Tutina a porta spalancata causa infortunio (dice???) del portiere!!

BORGOGEKO:

BONZO:* *

GEKO: 7-
Conferma la sua mobilità in campo sia in fase offensiva sia difensiva con importanti recuperi e interventi in porta;
rispetto le scorse serate mancano le sue aperture e dialoghi precisi con i compagni;
ancora poco sangue freddo davanti alla porta per concludere con un bel gol!

SIMOTTO: 6,5
Prova anche lui a concludere da fuori in una fase in cui ogni tiro del Borgo era sprecato o parato e questo lo porta a ritardare la sua solita presenza sia in fascia sia proprio in zona difensiva;

GABIBBO: 6,5
rispetto le scorse volte lo si vede maggiormente in fase offensiva forse proprio per recuperare lo svantaggio della sua squadra ma questo comporta uno sbilanciamento della stessa e sulle ripartenze veloci del "pischello" Savoia il Borgo cade in sofferenza;
prova molto a tirare e questo denota un certo coraggio che prima non esternava, ma in alcuni casi sarebbe meglio alzare la testa e coinvolgere il compagno vicino; rimane comunque importante come colonna centrale di difesa!!

DORAEMON: 6
In questa serata avrebbe meritato una valutazione + alta sia per il gioco espresso nei dialoghi con i compagni (impostazione e conclusione delle azioni) sia per i ritorni a recuperar palla ma raggiunge solo la sufficienza per la molta imprecisione in porta, non solo per l’ultimo gol del Tutina (che pur con il dolore è impensabile a un metro dare la palla sul piede proprio dell’avversario) ma anche per i tanti lanci e inizio gioco persi nel vuoto!!

REALTAZZINA:

SAVOIA: 7,5
Il " pischello" si sente bene sia con le gambe sia con il fiato;
decide di occupare la posizione di centrale difensivo(il bonzo fatica molto a registrare i nuovi movimenti e il gioco di Savoia) e regista della sua squadra;
la scelta è ottima perché immediatamente il Realtazzina a ogni affondo affonda il Borgo;
denota anche buona intuizione in porta;
appena decide di spostarsi in avanti (forse una scelta sbagliata), anche per l’autoinfortunio di Nobita, il Borgo inizia a respirare e a rimontare!

NOBITA: 6,5
Conferma la sua posizione a tutto campo, ancora poco preciso nelle conclusioni in porta;
quando l’azione parte da metà campo manifesta una certa fretta con palla ai piedi questo ritarda la ripartenza ella sua squadra;
rimangono sempre importati i suoi recuperi in fase difensiva;
si autoinfortuna a gioco fermo!!

TAZZINA: 7-
la sua posizione offensiva si evidenzia in particolare per la presenza di Savoia che imposta bene il gioco;
cerca svariate volte la conclusione da fuori ma risulta essere più incisivo quando le ripartenze della sua squadra sono 2 contro 1;
ha sempre delle buone intuizioni nello smarcare i compagni ma pecca molto in fase difensiva dove è spesso saltato!

TUTINA: 6,5
Prestazione sempre in aiuto della sua squadra con corsa e recuperi importanti;
si ritrova al posto giusto al momento giusto e con la palla tra i piedi…sarebbe stato difficile non segnare il gol che voleva dire PAREGGIO!!
Deve migliorare il controllo palla perché si riesce a smarcare ma quando riceve palla o non controlla ( favorisce le ripartenze degli avversari) o sbaglia il passaggio per paura di sbagliare il controllo!

FILTER: 6,5
Si nota una crescita sicuramente per maggiore frequenza di giocare con gli stessi compagni ma manifesta ancora poca sicurezza uno contro uno e si infila in giochetti di gamba non necessari che rallentano l’azione e peggio, rischiano di fargli perdere la palla;
mostra, invece, maggior coraggio nelle conclusioni in porta e infatti viene anche premiato; in fase difensiva è presente ma lascia girare il Bonzo per scoccare il sinistro!!

GOL FATTI:

Realtazzina:
Tutina 1
Tazzina2
altri non ricordo!!
Borgogeko
Bonzo 4
Doraemon 2
Gabibbo 1



Risultato del 15/3
BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 4-5

Serata dal clima gradevole, ma campo inaspettatamente reso molto bagnato dall’umidità, che rende difficile il controllo del pallone. Come da qualche partita a questa parte il Borgo parte col freno a mano tirato, e consente così al Real di prendere il largo. A differenza delle alte volte però, pur macinando gioco, senza però riuscire a concludere in maniera efficace, anche per le buone parate dei tazzinari, ai borghigiani non riesce la rimonta, che si ferma ad un gol di distacco, complice anche la mancanza del consueto maxi extra-time, bruciato dall’incompetenza di Giampiero & Co.

BORGOGEKO

Simotto 6,5 abusa dei colpi di tacco e della sua solita finta, che stavolta però non gli regala soddisfazioni, spegnendosi spesso in fallo laterale. Martella comunque sulla fascia, chiude con tempismo, e segna un gol con la conclusione più sporca, dopo che un paio di tiri notevoli gli erano stati murati dagli improvvisati portieri tazzinari.

Bonzo 6,5 stenta a carburare, dimostrandosi meno brillante nell’uno contro uno, costretto così ad indietreggiare parecchio per giocare il pallone più tranquillo. Sale di tono nella seconda metà di gara, ma se non inquadra la porta almeno lui il Borgo fatica a concretizzare la mole di gioco che produce.

Geko 6,5 assiste impotente al crescente vantaggio del Real, che ad ogni tiro segna. Degli esiti alterni della sua gara si ricordano l’orrendo liscio in porta su conclusione non irresistibile del Tazzina, il sontuoso lancio a favore di Simotto e l’anticipo secco in velocità su Filter che frutta il secondo gol.

Gabibbo 6+ partenza shock con palla regalata da ultimo uomo al Tazzina che ringrazia e segna. Pian piano si riprende, anche se continua a sballare i lanci in impostazione, e non riesce a concludere efficacemente in un paio di occasioni nitide.

Cavallopazzo 6+ qualche turno di assenza di troppo rispetto alle ultime stagioni, gli fa dimenticare i rudimenti tattici appresi, e l’abituale irruenza e generosità lo porta a strafare, consentendogli recuperi fenomenali, ma anche generando una certa confusione tra i compagni.


REAL TAZZINA

Tazzina 7 come sempre fa girare il gioco offensivo dei tazzinari, anche se nel finale viene cercato troppo con lanci lunghi. Salva un quasi gol con colpo di testa in area, e segna 4 reti, ma mai come stavolta sembrano più evidenti le colpe degli avversari che i propri meriti.

Nobita 7- serata di chiappe aperte "Bellomaria style", vince tutti i rimpalli immaginabili, anche quando non vorrebbe. Fortunatamente non sfrutta a dovere le ripetute chanches concessegli dalla sorte. Solita sicurezza in porta.

Filter 6,5 buona fase di preparazione dell’azione, ma lascia a desiderare nelle conclusioni. Rimane concentrato per tutta la gara, salvo poi farsi bruciare dal velocissimo Geko in fase di disimpegno. Mezzo voto in più per la super parata su Simotto.

Denver 6,5 bel duello col Bonzo, che riesce ad arginare efficacemente, segna il gol vittoria con tiro da fuori non potentissimo ma ben indirizzato.

Tutina 6+ incrocia spesso i tacchetti con Simotto, con alterni esiti nella conquista della palla. In questa occasione non segna, ma salva comunque la vittoria con parata istintiva su bolide di Simotto.

Riepilogo reti
Borgo: bonzo 2 simotto 1 geko 1
Real : tazzina 4 denver 1




Risultato del 29 marzo
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 7-7

Ancora una partita combattuta, ancora un Real avanti di diverse lunghezze, ancora un Borgo che prova una rimonta disperata, e stavolta agguanta il pari all'ultimo respiro.
Borghigiani nervosi, giù di tono e molto disordinati, tazzinari che si adagiano troppo presto sugli allori e non mettono pienamente a frutto una giornata favorevole.

BORGOGEKO

Savoia 6,5 una furia scatenata ed estremamente indisciplinata per tutto il campo. duetta di preferenza col Bonzo, ma nonostante le indubbie qualità fa spesso confusione, e nonostante i diversi palloni recuperati lascia sovente il via libera sulla fascia per errore di posizionamento. segna il gol del pari su punizione all'ultimo secondo.

Simotto 6,5 presenza oscura ma sostanziosa, è uno dei tre che a turno si trovano in inferiorità numerica in difesa. rimane sempre presente nel match, non si abbatte per gli errori e sfodera il lancio millimetrico che porta al gol il Geko.

Bonzo 6 reduce da una festa pomeridiana di bambini, satollo di panini e patatine, dopo una fase di (non) riscaldamento passata a trafficare col cellulare, impiega tempo a carburare, e in generale si dimostra sotto tono, non risultando incisivo come nel recente passato, e manifestando limiti di tenuta fisica.

Gabibbo 6- continua il periodo di insofferenza ingiustificata, che deconcentra lui e i compagni. la costante inferiorità numerica in difesa non lo aiuta di certo, ma cerca di cavarsela con il mestiere.

Geko 5,5 passa il primo tempo ignorato dai compagni, e non fa nulla per uscire dal suo limbo di frustrazione , aggirandosi abulico e senza mordente. si innervosisce per alcune critiche incomprensibili e si fa sfuggire dalle mani un inncuo tiro di Denver. riabilita parzialmente la serata con un paio di belle parate sul ErCoccia libero in area (cosa per la quale nessuno riceve appunti), e con il gol realizzato con freddezza su lancio di Simotto.


REAL TAZZINA

Tazzina 7 buona serata in versione assist man, e anche nelle conclusioni. conferma l'incompatibilità con ErCoccia, e perde così un pò la concentrazione nel finale, quando invece servirebbero polsi freddi.

Doraemon 7 conferma le doti di scattista, e anche una buona precisione nelle conclusioni. dopo i disastri combinati nell'ultima apparizione, in porta sfodera interventi da saracinesca, strozzando più volte l'urlo gol nella gola degli avversari.

Denver 6+ controlla bene il Bonzo, ma si trova inaspettatamente in difficoltà dal punto di vista fisico contro Savoia. segna un gol senza neanzhe accorgersi di averlo fatto.

ErCoccia 6+ partenza fiammeggiante, spocchia da giocatore professionista, ma si eclissa alla distanza, vanificando le cose buone con errori banali e ricadute nel vecchio vizio del numero fine a se stesso. Buoni turni in porta.

Tutina 6 la primavera giova al vecchio Tuta, che conferma il buon momento di forma, reggendo bene fisicamente, vincendo diversi contrasti, una prestazione poco appariscente ma concreta.

Riepilogo gol
Borgo: savoia 3 bonzo 2 geko 1 gabibbo 1
Real: denver 1 doraemon 3 ercoccia 2 tazzina 1


Borgo-Real 6-3 [7vs7] 4/4/12
BORGOGEKO - REAL TAZZINA 6-3

BORGOGEKO

Simotto: prestazione più che sufficente anche se pesa lo svarione che concede al Real il primo gol. 6.5
Filter: inizia con qualche difficoltà di controllo (che hanno quasi tutti) ma alla 90° non può che essere contento della sua partita. Finalizza un'ottimo assist (di Arrighe?) ma in quell'azione è pregevole il suo inserimento. Ottimo movimento. 7
Arrighe: il motore della squadra, l'anima (nera)... Gioca a centrocampo con frequenti inserimenti in attacco e numerose chiusure in difesa. 7.5
Gabibbo: prestazione ottima, si trova benissimo in questo campo più grande, non soffre e prende subito le misure. 7.5
Calimero: l'anima bianca della squadra, nel senso che sembra aver alzato bandiera bianca e aver rinunciato (oltre ad esser vestito come un mastro gelataio). Si mangia gol su gol, non tira e non passa di prima dal 1988 ma si inventa un gol di punta mancina che resterà nelle sue memorie. 6.5
Crucco: in un campo cosi grande si pensava che sarebbe scoppiato e invece il nostro Crucco "inzaghi" si mette li davanti e realizza una tripletta pregevole e dovuta visto la papera in porta. La zona limitata di azione gli permette di riprendere fiato e di fare una buonissima partita. 7.5
Otto: gioca ogni tre mesi e ne risente il fisico e il fiato. Polpacci morsi dai crampi, "vecchia" sul quadricipide e fiatone esagerato ne limitano la prestazione che però, seppur a sprazzi, non risulta assolutamente negativa. Un paio di spunti alla "messi" (dice lui) che però vengono sprecati da Calimero e Crucco, qualche buon recupero palla e buon dialogo con i compagni. 7--



REAL TAZZINA

Denver: centrale in difesa, comanda e padroneggia ma non può nulla quando continuamente viene lasciato solo in difesa. 6.5
Tazzina: gioca in una posizione d'attacco, spesso defilata e tiene comunque costantemente marcato l'ultimo avversario. Coglie un palo e fornisce un assist. Non può prendere un voto alto perchè non ha ricevuto molti palloni, la squadra non ha fatto un gioco collettivo. 7-
Tutina: In difesa, aiuta Denver come può. Sulla fascia le sue incursioni sono un pò limitate dalla presenza del compagno di squadra Cavallopazzo sulla stessa fascia destra. 6+
Nobita: Non c'è più il fisico di una volta... Caviglia malandata e quindi gioco e corsa ne risento molto. Da ricordare comunque la sua grinta, si propone bene in avanti e chiude in difesa e, soprattutto, ricordiamo una pregevole incursione in area con stop a seguire e tiro che finisce fuori di poco. 6.5
Savoia: Parte malino, forse un pò disorientato dal campo (non sapeva neanche che fosse 7vs7) ma si riprende alla grande, gioca bene, pulito ma deciso, cerca il dialogo con gli altri e tenta la conclusione quando può. 7
Cavallopazzo: è sua la fascia destra, almeno all'inizio, poi viene un pò arginato da Filter e Gabibbo. Lotta come un leone e corre come un cavallo (pazzo) ma, a fine partita, comunica che si ferma, causa infortunio e forse riprenderà a maggio. 6.5
Maccio: mi è sembrato, guardandolo da avversario, quello più fuori alla manovra ma forse è solo un impressione. Sicuramente tenta il tiro di continuo senza molta fortuna e, almeno un paio di volte, devo ammettere di esserne stato contento visto che aveva compagni liberi in posizione migliore. 6+





Risultato del 12 aprile
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 6-7

Continua la serie senza vittorie del Borgo, che difficilmente riuscirà ad interrompere se ogni volta consente agli avversari di scappare sul 4-0, tentando poi difficili recuperi che portano via energie fisiche e nervose.
Ieri sera, tra l'altro, su 7 gol dei tazzinari, almeno 4 sono da considerarsi gentili omaggi dei distratti borghigiani, frutto di baggianate che neanche possono classificarsi come errori, come ad esempio possono essere i due gol presi da angolo con l'ultimo uomo tazzinaro lasciato in beata solitudine ad inserirsi...errori appunto, gravi, ma sempre più giustificabili dei palloni recapitati direttamente sui piedi dello scatenato Savoia.

BORGOGEKO

Simotto 6,5 grande abnegazione e spirito di squadra, si spende anche per i compagni meno mobili, arrivando a volte poco lucido sotto porta.

Geko 6,5 una serie di scatti frustrati da palle perse dai compagni, che lo obbligano a rincorse in apnea, più sfibranti di una maratona. Tanto è lucido nella gestione palla, tanto è impreciso nelle due occasioni nitide che gli si presentano, sparando alta la conclusione.

Gabibbo 6 partenza disastrosa, complice in entrambi gli svarioni (ma non è nemmeno corretto definirli così, sono stati propio dei passaggi...) che recapitano la palla sui piedi di Savoia, che segna senza ringraziare. Ha il pregio di riprendersi e di sfoderare belle chiusure e inserimenti coi tempi giusti in attacco, che però vanifica con conclusioni poco incisive.

Bonzo 6 a corrente alternata come gli capita di recente, alterna alti e bassi che non rendono efficace al 100% la sua prestazione. C'è da rimarcare che se non centra lui la porta i compagnio non sono in grado di surrogarlo.

Doraemon 4,5 non ci siamo proprio a livello concettuale: si incaponisce in dribbling superflui in zone pericolose, e nonostante non gliene riesca uno dall'inizio del match, continua senza sosta, fino all'ultimo, suicida, che costa il gol vittoria di Denver. Nel frattempo prende un gol da Savoia stile flash a bigliardino, rilanciando violentemente la palla sul suo piedone e osservandola carabolare in porta.

REAL TAZZINA

Savoia 7,5 corre come un malato di mente per tutto il campo, sbuffando e pressando in difesa e in attacco, stile Cavallopazzo buonanima, ma con tutt'latra qualità. Segna una valanga di reti, ma bisognerebbe vedere se avrebbe avuto un botino cosi alto senza i gentili omaggi degli avversari.

Tazzina 6,5 lascia la scena sulle conclusioni allo scatenato Savoia, con il quale duetta bene, e quando prova il tiro traova la deviazione o la parata efficace. Imbuca più volte i compagni sulla corsa, ma con mediocri risultanze.

Denver 6,5 si alterna con Savoia come ultimo uomo, e un pochino soffre lo scambio di ruolo, che lo porta a giocare meno palloni. Sale di rendimento quando i compagni rallentano un pò, e segna il gol vittoria all'ultimo secondo sfruttando la leggerezza in disimpegno degli avversari.

Filter 6,5 bel movimento a tutto campo, batte l'omologo Doraemon sul piano dell'intelligenza tattica. Ricade sporadicamente nel vizio della veronica fine a se stessa, non sapendo ancora discermere contro chi possa permettersi tali giochini.

Tutina 6+ sfugge più volte alla blanda marcatura di Doraemon, ma manca l'appuntamento con la stoccata vincente, dimostrando però buona gamba e intelligenza negli inserimenti. La curva invoca la sua rete e lui risponde con l'autogol del 6-6.

Riepilo gol
Borgo - doraemon 2 bonzo 3 autogol 1
Real - savoia 5 denver 1 filter 1





Risultato del 26 aprile
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 7-5

Anche questa settimana il Calcetto dei Campioni è stata a rischio sospensione, viste le numerose assenze palesatesi in settimana, ma grazie all'indefesso lavoro della coppia MrWolf-Ciccio si è riusciti a mettere 10 giocatori in campo, con ritorni dal pasaato remoto e nuove acquisizioni (segno che il movimento è comunque fervido).
La gara vede ovviamente in campo formazioni irriconoscibili, con elementi che non hanno giustamente affiatamento tra loro, e che quindi non danno vita ad uno spettacolo tecnicamemnte e tatticamente eccelso, anche se il pathos rimane sempre alto, con una partita equilibrata che vede un iniziale leggero predominio tazzinaro, che viene poi sovvertito dal ritorno del Borgo, che sfrutta il suo maggiore tasso tecnico uscendo fuori alla distanza.

BORGOGEKO

Ettore 7+ uno dei ritorni dal passato a cui si accennava, centellina le sue risorse fisiche occupando principalmente la posizione da ultimo uomo, e anche se il fiato non è ai massimi livelli si nota come tecnica e senso tattico siano di ottima fattura: puntuale nell'anticipo, fa girare la squadra con intelligenza, proponendosi per triangoli stretti e ripetuti che fruttano buona parte dei gol borghigiani.

Geko 7 costretto dalle esigenze di squadra a traslocare sulla fascia sinistra, non subisce il cambiamento, presidiando la zona con autorità e dinamismo, rendendo ostico l'avvicinamento agli avversari e travolgendoli nelle proiezioni offensive, nelle quali, grazie alla buona intesa con Ettore, segna 3 reti propiziandone una quarta.

Bonzo 6,5 un pò sotto tono fisicamente, patisce una squadra che non ha i classici punti di riferimento tattici, e quindi partecipa attivamente alla confusione che ne deriva. Si sveglia nel secondo tempo, dialogando meglio coi compagni e trovando finalmente la porta.

Alvin 6 ennesima new entry di un movimento che non conosce crisi, paga dazio all'emozione dell'esordio e alla giovane età, e, pur se dotato di discreti mezzi tecnici, gioca un primo tempo timido, anche se condito da una rete. Si scioglie nella ripresa, più consapevole dei propri mezzi e aiutato dal calo degli avversari.

Tutina 5 appesantito dai bagordi del giorno prima, vaga per il campo come un sonnambulo, senza riuscire a mentenere una posizione utile nè in avanti, dove spesso va a fare scopa col Bonzo, sparacchiando palloni alla bell'è meglio, nè in difesa, dove non riesce a seguire l'avversario diretto.

REAL TAZZINA

Simotto 7 all'esordio in maglia tazzinara, porta il suo contributo di corsa ed esperienza alla causa, ma troppo presto viene a mancargli il sostegno dei compagni. lotta su ogni palla, e realizza anche un gol con percussione rugbistica.

Tazzina 6,5 gli stravolgimenti di formazione lo obbligano a ritornare al suo vecchio ruolo "alla Mangone", nel quale si disimpegna bene, anche in impostazione e nelle conclusioni, che non lo premiano solo per l'attenta guardia del Geko in porta. Il crollo fisico dei compagni travolge anche lui nelle fasi finali.

Rugantino 6 alla seconda apparizione dopo quella di settembre, conferma le buone doti caratteriali che lo rendono un giocatore utile per qualsiasi squadra. La ovvia desuetudine al campo chiaramente ne palesa una certa difficoltà a livello tattico, ma con un buon allenamento, anche dal punto di vista tecnico, può diventare un elemento di sicura sostanza.

Crucco 6 marcatore principe dei suoi con 4 reti, non gli si può purtroppo chiedere altro: è un Calimero con più tecnica e senso del gol e meno fiato, ottimo come riferimento centrale di una squadra di corsa, ma si trasforma in pericolosa zavorra quando la stanchezza comincia a farsi sentire.

Matusa 5 prova l'ennesimo rientro dopo mesi, e verrebbe quasi da mettergli S.V., perchè sparisce presto dalla partita più per evidenti limiti fisici che per errori o cattiva volontà. Finchè è in campo cerca di accendere la scintilla degli antichi fasti, ma le polveri sono bagnate, e dopo un'occasione clamorosa fallita a tu per tu col portiere, si intristisce e si autoesilia in porta.

Riepilogo gol
Borgo geko 3 bonzo 2 ettore 1 alvin 1
Real crucco 4 simotto 1




Risultato del 3 maggio
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 4-8

Ritorno di buona parte dei titolari, ma ancora formazioni rimaneggiate, per una gara in equilibrio fino a 10 minuti dalla fine, quando il crollo verticale (presagibile comunque dalla prestazione fin lì fornita) di un paio di elementi del Borgo (leggi: calimero e bonzo), regala una larga vittoria ai più continui tazzinari.

BORGOGEKO

ErCoccia 6,5 gioca da centrale difensivo, anticipo secco alla Gabibbo e maggior velocità e tecnica nell'impostazione. Sarebbe veramente determinante se sgomberasse la sua testolina di locusta da tutti gli schemi appresi (?) negli allenamenti di calcetto.

Geko 6,5 spezza più volte l'azione avversaria, e cuce il gioco con semplicità e concretezza, non trovando adeguata collaborazione nei suoi attaccanti, che tra l'altro non lo servono mai (un solo tiro scoccato in tutta la partita) quando è spesso libero sulla fascia. Da portiere strozza più volte l'urlo del gol in gola al Tazzina.

Simotto 6,5 in costante inferiorità numerica in difesa quando sono in porta ErCoccia o Geko, prova a mettere pezze a destra e manca, ma servirebbe un rotolo di stoffa da 50 metri. La buona condizione fisica glio consente rapide incursioni offensive, ma non va oltre il palo.

Bonzo 5- abulico, giù di tono, incontra le giuste difficoltà contro Denver e Savoia, ma in quasta occasione anche il Tutina abusa di lui. Quando ha la palla buona sul piede preferito non è preciso nelle conclusioni, e decreta la sua serata no quando viene surclassato a fine partita sulla fascia dal Matusa (!!!).

Calimero 5- non si sa mai coma dargli la palla, visto che sui piedi si fa anticipare costantemente, lunga la fa sfilare troppo e nello spazio la perde invariabilmente. Aiutato dalla sua fortuna sfacciata nei rimpalli si costruisce comunque le sue occasioni, salvo poi sciuparle malamente con ciabattate orrende o con tentativi di passaggio gestibili come sacchi di sabbia bagnati.


REAL TAZZINA

Savoia 7 entra in campo sorseggiando una bevanda non meglio identificata, e quindi il sospetto di doping è forte, visto poi come corre come un indemoniato dall'inizio alla fine, assommando in mix letale tecnica ed irruenza.

Tazzina 7 sfrutta bene le qualità di una squadra dinamica, e dopo il consueto sfogo contro i compagni, libera le energie nervose e segna dalle posizioni più diverse, risultando decisivo per la vittoria finale.

Matusa 6,5 parlndo di doping anche qui si impone un'attenta analisi: troppo netta la differenza dal fantasma di giocatore presentatosi in campo giovedì scorso. Tonico per tutti i 60 minuti, non accusa crolli e neanche pause, concedendosi il lusso di umiliare il Bonzo sullo scatto all'ultimo minuto di gioco.

Denver 6,5 qualche perplessità iniziale nell'interscanbio di posizione con Savoia, poi gioca col pilota automatico, gestendo bene la fase difensiva. Si procura buone opportunità di tiro, che poi vanifica con conclusioni non all'altezza.

Tutina 6,5 limita gli sfarfalleggiamenti offensivi e si dedica a fare legna a centrocampo con buoni risultati. Lascia il cronista basito quando per 5 volte consecutive blocca il Bonzo sull'anticipo e con la palla tra i piedi.

Riepilogo gol (da confermare)
Borgo: bonzo 1 calimero 2 ercoccia 1
Real tazzina 4 savoia 3 matusa 1




Risultato del 10 maggio
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 12-9

Serata affollata, 11 partecipante stante delle errate informazioni giunte agli organizzatori (vero Nobita e Coccia?), che li hanno tratti in inganno, e costretti ad una convocazione superflua. Comunque meglio uno in più che in meno, ci si è attrzzati con cambi veloci e la gara si è svolta con scioltezza, abbastanza in equilibrio, anche se nel secondo tempo il Borgo ha dato l'accelerata decisiva che gli ha consentito di maturare il vantaggio mantenuto fino al termine.
Altar novità è stata il pallone a rimbalzo controllato, che, salvo i leciti imbarazzi inziali per prenderci confidenza, ha riscontrato un gradimento pressochè unanime.

BORGOGEKO

Arrighe 7 nuova puntata nel mondo dei dilettanti per il neo-campione regionale, che ha ormai dimenticato le sua "provenienza dal calcio a 11", e tenta di imbastire schemi da calcetto col sodale Coccia. Fortunatamente è meno ossessivo di quest'ultimo, e riesce a liberare la sua cretività e fare la differenza.

ErCoccia 6,5 snocciola a getto continuo schemi e dettami tettici con una terminologia tecnica che il solo Arrighe può comprendere, ingenerando suo malgrado una confusione che già regna per i doppi cambi porta-panchina. Quando tace e gioca sfodera discrete giocate e buone parate, salvo cedere al solito vizio della giocata fine a se stessa.

Geko 6,5 cerca di non farsi obnubilare dalla rotazione dei cambi e dalla gracchiante voce del Coccia, e stringendo i denti mantiene un bupn livelo di concentrazione, che gli consente un discreto giro palla e qualche assist niente male. Il nuovo pallone mette ancora di più il silenziatore al suo tiro già poco potente.

Simotto 6,5 ordinato, disciplinato, poco appariscente, si fa notare quando riprende ad intercettare le bombe avversarie, sia da portiere che da giocatore di movimento.

Crucco 6,5 si giova dei cambi per tirare il fiato, e alterna buone giocate ad errori marchiani tipici dei mancini, inducendo qualcuno a porsi la domanda se per caso prenda un assegno di invalidità per il piede destro. Però rimane nel vivo del gioco ed effettua un pressing fastidioso ed efficace sull'ultimo uomo avversario.

Filter 6 ritmi lenti da football bailado, ha il pregio di recupeare un gran numero di palloni dalle metà campo in su, lanciando contropiedi corti che però spesso non hanno buon esito, anche per colpa della sua cronica carenza sul fondamentale dello stop.

REAL TAZZINA

Savoia 6,5 sembra meno in palla fisicamente del solito, forse perchè maggiormente sollecitato dagli avversari che sono più freschi. tampona in ogni parte del campo, segnando anche ad Arrighe un gol su rilancio da portiere, come aveva fatto tempo fa con Doraemon.

Denver 6,5 segna un gran gol con destro dalla distanza ad inizio partita, ma non trova più la misura delle conclusioni in seguito, esasperato dalle continue parate degli avversari.

Tazzina 6,5 soffre inizialmente la sordina del nuovo pallone, e ritrova nel secondo tempo l'incisività nelle conclusioni e nei passaggi, privilegiando le precisione alla potenza.

Nobita 6,5 si agita tarantolato per tutto il campo, forse per dimenticare di essere appena diventato più vecchio. La caviglia malandata che ne aveva messo in dubbio la presenza (???) sembra non dargli l'adeguata sensibilità al tiro, che incoccia più volte i legni avversari.

Tutina 6+ cagnaccio a tutto campo, si propone anche con continuità e con i giusti movimenti, salvo poi peccare di un egoismo che ricorda il peggior Inzaghi.
tazzina 2
tutina 1
denver 1 ?
savoia 3 o 4
nobita credo 0






Risultato del 17 maggio
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 6-5

Bella partita giocata con un clima perfetto, tra due squadre che non si sono risparmiate e che hanno concesso un bello spettacolo, nonostante l'assenza di molti degli interpreti titolari.
Primo tempo appannaggio del Borgo, che gioca bene, con molto possesso palla e verticalizzazioni ficcanti, ma che spreca altrettanto sotto porta, cogliendo 6-7 pali, e affidandosi alle autoreti avversarie (una bellissima di Savoia con staffilata di fuori area sotto l'incrocio) per realizzare 2 dei 4 gol che lo portano in vantaggio. A questo punto subentra una evidente stanchezza che porta inquietudine, gli errori si susseguono, i tazzinari acquistano fiducia, pressano, e recuperano, portandosi addirittura in vantaggio per 5-4. Il borgo ritrova un minimo di serenità e di gioco, pareggia con serpentina di ErCoccia e vince all'ultimo secondo grazie al provvidenziale colpo di testa del Geko sotto misura.

BORGOGEKO

ErCoccia 7- abbandona il suo blaterare sulle tattiche e le veroniche fini a se stesse, e si dedica alla gestione del gioco da ultimo uomo, puntando poi velocemente verso la porta avversaria. Come tutta la squadra accusa una flessione nel secondo tempo, nel suo caso soprattutto fisica, appare appannato in porta, ma si riprende e segna il gol del pareggio.

Geko 6,5 partecipa al giro palla della squadra con efficacia e sfodera diverse aperture interessanti. Nel secondo tempo soffre la pressione avversaria e strozza qualche passaggio di troppo. All’ultimo respiro è pronto a siglare il gol vittoria con preciso tocco di testa che beffa l’attonito Matusa.

Alvin 6,5 sfrutta il raffreddore di Filter per rubargli il posto in squadra, e gioca con disinvoltura, alternandosi con ErCoccia come ultimo uomo. Un po’ leggero fisicamente, dimostra però di avere una buona tecnica di base e conoscenze tattiche specifiche del calcetto. Si eclissa un po’ nel finale, patendo forse la fatica.

Simotto 6,5 gioca meno palloni del solito, ma si applica e prova a fare i giusti movimenti sulla fascia. Rendimento medio ma costante per tutta la gara, senza cedimenti, coglie un incrocio su buon inserimento da angolo. Rischia la bestemmia all’ennesimo mancato passaggio da parte di Doraemon.

Doraemon 5+ ingaggia una lotta, che lo vede sconfitto, con i pali della porta avversaria, ma sorge il dubbio che più di qualche occasione è fallita più per imperizia che per sfortuna. Lampanti sono invece quelle che si divora a tu per tu col portiere, imbucato più volte da precisi assist dei compagni, e snervante la protervia con la quale evita il passaggio al compagno libero, cosa che è in grado di fare, come dimostra l’assist per il gol vittoria del Geko.


REAL TAZZINA

Savoia 6,5 rimarrà negli annali l’autorete che segna con un sinistro fotonico all’incrocio, ma anche il passo di salsa-merengue che regala alla platea sulla linea del fallo laterale, praticamente un’auto-finta di corpo. Guarisce improvvisamente dalla labirintite che lo attanaglia e si produce in un pressing ossessivo che porta i suoi frutti, inducendo gli avversari all'errore.

Tazzina 6,5 per tutto il primo tempo non trova la misura del gioco e delle conclusioni, e monta la frustrazione, grazie anche all’autogol che lo vede protagonista con una carambola sulla gobba; trova la sua valvola di depressurizzazione nel pallone, e dopo essersi sfogato insultandolo e smoccolando lungamente, riprende a giocare con efficacia, intercetta palloni e segna 4 reti.

Matusa 6,5 conferma i progressi fisici, muovendosi in scioltezza per tutti i 60 minuti,e si propone coi compagni, almeno a parole, per dei tagli di gioco, ma non ne risultano effettuati sul taccuino del cronista. Anche in porta dimostra sicurezza, ma nulla può sul colpo ti testa vincente che lo trafigge allo scadere.

Denver 6+ meno disciplinato del consueto, lo si trova in diverse zone del campo che scuote il testone domandandosi perché la palla è sempre sui piedi borghigiani. Partecipa alla convulsa rimonta tazzinara facendo valere il fisico.

Tutina 5,5 carbura molto lentamente, per tutta la prima frazione di gioco se ne perdono le tracce. Resuscita nel secondo tempo, e mette il piedone chiodato per stoppare gli avversari, anticipando anche lo sgusciante ErCoccia.

Riepilogo gol
Borgo: ErCoccia 2 Doraemon 1 Geko 1 + 2 autoreti
Real Tazzina 4 Savoia 1







Risultato 24 Maggio 2012
Pagelle

Denver: 7 non si scoraggia, si fa il mazzo in difesa ed è difficile con Arrighe e Coccia contro.
Tazzina: 7 non si scoraggia, si fa il mazzo in attacco ed è difficile con Arrighe e Coccia contro.
Alvin: 6.5 il ragazzo ha qualità ma si deve sciogliere e prendere coraggio
Calimero: 7 voto alto ma secondo me ha fatto cose da 6 e cose da 8, media giusta. Da ricordare un dribbling ubriacante nei confronti di Filter che a fine partita ammette: non è colpa mia, è lui che è forte!
Matusa: 6.5 ha corso il giorno prima e non può avergli fatto bene al fisico, serata calda che non aiuta. Cerca ancora di integrarsi, è una partita più che sufficente la sua

Arrighe: 7+ in forma, scivola via come l'olio quando s'insinua nella difesa avversaria. Anche in porta è sopra gli altri.
Coccia: s.v. rifiuta di giocare con il Real ma qui giochiamo per divertirci ed è bene ricordarlo a tutti.
A proposito ultimamente il linguaggio è un pò cambiato e, almeno a me, non è gradito udire bestemmie.
In partita Coccia fa il suo, buone incursioni e qualche distrazione in difesa; sul finire è stanco.
Simotto: 6 La sua partita è contro l'arbitro e la perde. Non mi sono divertito per niente e non per colpa vostra.
Crucco: 6- Un meno per i numerosi palloni persi, però segna 4 gol.
Filter: 6 Il suo calcio sudamericano non piace alla concretezza di Arrighe che lo rimprovera. Viene ubriacato da Calimero (merito o demerito di chi?). Insomma una partita cosi cosi ma non merita l'insufficenza.

Borgogeko - Real Tazzina 8-4

ps:
è giusto il risultato? non sono sicuro

marcatori:
Crucco 4
Simotto 1




Risultato del 31 maggio
REAL TAZZINA – BORGOGEKO = 12-7

Stavolta si gioca 60 minuti puliti, senza interruzioni arbitrali, ma il Certosa non poteva lasciarci vivere una serata tranquilla, e quindi inaugura sulla nostra pelle il "sub-affitto" dello spogliatoio: praticamente ci assegna un solo spogliatoio, nel quale troviamo già una borsa con degli abiti, che vengono rimossi tra borbottii incomprensibili da Sorrentino; prima di iniziare la partita ci accorgiamo poi che 4 persone che hanno appena smesso si sono intrufolate nel suddetto spogliatoio e si stanno tranquillamente facendo la doccia, con tutte le nostre cose alla loro mercè…come ulteriore notizia tranquillizzante, a fine gara l’ineffabile Sorrentino chiude la questione con l’affermazione "non so come abbiano preso la copia delle chiavi, non mi sono accorto di niente"…annamo bene!
La partita non è meno sorprendente, con un Borgo in totale balia del Real, che va in vantaggio 3-0 in tre minuti, e si trova già sul 7-0 al quarto turno di porta; di lì in avanti i borghigiani trovano qualche contromisura, ma gli avversari allentano comunque la pressione, e la gara assume una parvenza di equilibrio, ma il Borgo si dimostra una compagine tatticamente, tecnicamente e fisicamente allo sbando.

REAL TAZZINA

Savoia 8 spadroneggia come Godzilla sulle macerie del Borgo, portando pericoli ad ogni affondo, e bersagliando la porta avversaria con fendenti notevoli per potenza e precisione. Meriterebbe mezzo voto in meno per l’inguardabile ciuffetto sulla fronte legato con elastico fluorescente.

Nobita 7,5 un plauso per la risposta positiva alla convocazione last minute che ci ha permesso di giocare. Millanta stanchezza per gli allenamenti di football americano, ma in realtà si dimostra tonico e reattivo, ficcante negli inserimenti, tosto in difesa e scattante in porta.

Tazzina 7,5 sguazza come un bimbo in piscina tra le maglie larghe della difesa avversaria. Dalla classica posizione di boa effettua scambi veloci con i compagni, e si diverte a bersagliare la porta avversaria con l’amato pallone leggero con tiri dalla distanza.

Bero 7 stravince il confronto a distanza con Filter: mobile, veloce e incisivo, dialoga bene con i compagni,svaria su tutto il fronte offensivo e si inserisce in area con i giusti tempi.

Denver 6,5 la pochezza offensiva dei borghigiani non gli consente di mettere in mostra le sue qualità difensive, ed è quindi il tazzinaro che ha meno visibilità. Comunque buoni interscambi difensivi con l’onnipresente Savoia e con Nobita.

BORGOGEKO

ErCoccia 6 compie l’errore più grande negli spogliatoi, quando arruola Filter in squadra a discapito di Bero. Nelle prime fasi della gara, da centrale, perde la posizione e anche la sfera di gioco in dissennate avanzate palla al piede. Spostato sulla fascia rende meglio e si dimostra l’unico in grado di creare occasioni da rete.

Geko 5,5 corre molto a vuoto, e vivacchia fuori dalle traiettorie di gioco. Purtroppo non è il tipo di giocatore che rende in una squadra tatticamente disordinata o che può spaccare gli equilibri con azioni personali.

Simotto 5,5 è nervoso prima ancora di iniziare a giocare, tanto da imporre alla squadra il cambio di campo per non essere soggetto alle pressioni psicologiche di chi aspetta fuori dal terreno. Impreciso nei passaggi, riprende quota quando si piazza ultimo uomo e compatta in qualche modo la difesa.

Filter 5- la sua serata scellerata comincia a casa, quando dimentica il pallone, costringendo tutti a giocare con un simil-supertele, che esalta le doti balistiche degli avversari. Parte con un turno in porta da pena capitale, (non) parando con tutti e due i piedi dietro la linea. In campo si dimostra molto falloso nella gestione palla, salvo imbastire qualche azione decente in coppia con ErCoccia.

Bonzo 4,5 non pervenuto. Un paracarro vivente che deambula (lentamente) per il campo, senza un guizzo degno di nota, e anche impreciso nelle poche occasioni che gli capitano: una zavorra micidiale per una squadra già allo sbando di suo e non può sostenerlo.

Riepilogo reti
Borgo ercoccia 4 geko 1 filter 1 bonzo 1
Real :  Tazzina 2 gol
Savoia ... tanti forse 7/8



Real Tazzina - Borgogeko 9-5 [7/6/12]
Tazzina: 7 Copre la palla, lancia Bero, Tutina e Savoia, prova il tiro (e segna?).
Denver: 7 Anticipa sistematicamente in nostro attaccante di turno e sfodera una super parata verso la fine.
Tutina: 6.5 (stretto). Segna il primo gol dell'incontro e non si ferma mai. Due turni di assenza ma non si nota.
Bero: 7 Convince con questa seconda buona prestazione consecutiva. Buona corsa, buon pressing, pecca di ingenuità tattica che supererà con l'esperienza.
Savoia: 7+ Ormai è il fulcro di questo Real che sta umiliando il Borgo in questo finire di stagione. Corsa, controllo, tiro, passaggio e parate. Cosa gli manca? Neanche il ciuffetto!
Simotto: 6.5 In palla fisicamente si scoraggia a vedere i compagni mangiarsi di tutto. Finisce centrale ma con fiato e gambe in avanzo.
Ad inizio gara sostituisce "pirlo" con tre imbeccate degne ma che... indovinate?
Coccia: 6.5 Con le sue lunghe leve e la sua corsa riesce a fare buone ripartenze. Però non riesce da solo a fare la differenza e spesso si appoggia solo ai soliti...
Lamento continuo per via del pallone, rimproverò Simotto per non averla data a Maccio sui piedi... Simotto non la prende bene...  Rimprovera pure gli altri, no? 30 cm in avanti era...
Doraemon: 5.5 Non posso dimenticare i molti gol sbagliati sotto porta, sfortuna o no, il voto ne risente. Fiato corto, mi è sembrato.
Filter: 7- Partita convincente, combatte contro i "giganti" del Real e si spreme per bene. Voto che incoraggia. Il meno è per i gol subiti. Non posso dimenticare neanche quelli
Matusa: 7+ Secondo me, partitone. Sale, dribba e suggerisce. Sbuffa, corre e copre. In porta è presente. Anche lui si scoraggia... Il "ragazzo" va premiato!
GOL REAL TAZZINA: tazzina 2
Denver 4
savoia 1
tutina 1
bero 1

GOL BORGOGEKO:
matusa 2 goal ercoccia 1 doraemon 1 bero 1


Risultato del 14 giugno
REAL TAZZINA - BORGOGEKO = 8-7

Serata dal clima ottimale, formazioni equilibrate senza individualità di spicco, che danno vita ad una gara sempre in bilico, con alternanza del risultato e vantaggi al massimo di 2 reti. Parte forte il Real , e dopo neanche 5 minuti si porta sul 2-0. Macina gioco il Borgo, e pian piano recupera, portandosi poi in vantaggio sul 5-4, e sembra poter controllare le fasi finali del gioco, ma a questo punto subentra la stanchezza e manca la giusta cattiveria sotto porta, e i tazzinari, senza colpo ferire, sfruttano facili contropiedi per riportarsi in vantaggio, che mantengono col minimo scarto fino alla fine.

REAL TAZZINA

Bero 7,5 senza dubbio il migliore in campo. corre, pressa, recupera palla, conclude e para, tutto a un livello più che soddisfacente. E' l'uomo in più in attacco, dove crea costantemente la superiorità numerica, e anche in difesa sventa più di una situazione pericolosa con veloci recuperi.

Matusa 7- in forma fisica smagliante, abbina tecnica e fisico, defilandosi intelligentemente sulla fascia, salvo poi convergere improvvisamente al centro. Soffre il pallone nelle conclusioni, che raramente sono incisive.

Tazzina 6,5 pronti via e buca Filter con una conclusione non irresistibile da fuori. Si propone come boa nel primo tempo, arretrando il suo raggio d'azione, mentre nella ripresa scambia spesso la posizione con Denver, mandando in confusione gli avversari, e lanciando qualche rapido contropiede.

Tutina 6,5 il più "maturo" in campo fa mangiare la polvere a qualche giovincello di cui potrebbe essere padre. Buona presenza sulla fascia destra, segna il suo solito golletto con inserimento a sorpresa dalla parte opposta a chiudere un bel cambio gioco.

Denver 6,5 soffre nel primo tempo, non riesce ad arginare i veloci inserimenti avversari, che però si dimostrano leggeri sotto porta. Sale molto di rendimento nella ripresa, quando si sposta in attacco e col fisico apre spazi ai compagni e si procure buone conclusioni.

BORGOGEKO

Geko 7- dimostra troppa confidenza all'inizio, e alla prima chiusura difensiva entra troppo morbido, facendo scorrere la palla e agevolando il secondo gol tazzianro. Non si perde d'animo e offre sostenza,geometrie e assist alla squadra, cucendo il gioco con precisi passaggi rasoterra e recuperando diversi palloni.

Bonzo 7- un altro giocatore rispetto all'ultima esibizione, ritrova i suoi guizzi nell'uno contro uno, e una buona vena sotto porta, dimostrando di essere praticamente l'unico in grado di impensierire seriamente i portieri avversari. crollo fisico verticale negli ultimi 10 minuti, lascia i compagni in inferiorità numerica sulle ripartenze avversarie.

Simotto 6,5 regista difensivo suo malgrado, tiene corta la squadra e regala solidità al pacchetto arretrato, che soffre nei suoi turni di porta. Poco incisivo al tiro, si dimostra troppo sensibile alle critiche, che lo fanno incupire eccessivamente.

Doraemon 6,5 croce e delizia del Borgo, parte bene, non si intestardisce con dribbling inutili e dimostra di saper dialogare con i compagni, non commettendo peccati di egoismo. La tenuta fisica è però non ottimale, e nel finale sbaglia, per mancanza di "cattiveria", alcune facili occasioni che avrebbero potuto regalare ai suoi almeno il pari.

Filter 6+ anche se non segue Euro 12, pare avvinto dal morbo di Balotelli, che lo porta fatalmente ad addormentarsi quando ha sui piedi la palla buona per la conclusione. Incerto in porta come da tradizione, si dimostra efficace come assist-man anche sulle palle ferme.

Riepilogo gol
Borgo: geko 1 bonzo 4 doraemon 2
Real: tazzina 2 denver 3 tutina 1 bero 2





Risultato del 21 giugno
BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 9-6

Serata di grande afa, e di nuovo difficoltà nel raggiungere i 10 partecipanti: gli anziani crollano e le nuove leve non si dimostrano affidabili con i loro assurdi impegni. Anche il fido Sorrentino fa venire meno la sua presenza e vola verso lidi più confortevoli.
Parte male il Borgo, che a causa di due leggerezze del neo-acquisto Ettore, consente ai tazzinari di maturare il doppio vantaggio senza colpo ferire; ma per lungo tempo la partita del Real finisce qui, e inizia un lungo monologo degli avversari, che recuperano e si portano largamente in vantaggio fino al 7-2. A questo punto c’è la reazione orgogliosa del Real, che approfitta del calo fisico di alcuni avversari (vedi il Matusa), e prova la rimonta impossibile, che però rimane un miraggio.

BORGOGEKO

Bonzo 7+ finalmente una prestazione all’altezza dopo un lungo periodo di appannamento. Nonostante il caldo regge bene fino alla fine, e fornisce quel quid in più nella fase offensiva, fornendo diversi assist vincenti e cucendo il gioco con intelligenza, anche se mai in maniera eccessivamente rapida.

Geko 7 reduce da una mattinata ospedaliera, rassicura i tifosi con una prestazione lucida e dinamica. Martella gli avversari su entrambe le fasce, fornisce diversi passaggi smarcanti, soprattutto al Matusa, e realizza 3 reti, facendosi trovare sempre al posto giusto al momento giusto.

Simotto 6,5 la presenza di Ettore lo solleva da compiti di impostazione, e gli consente di ritrovare il suo posto sulla fascia. Nel secondo tempo i meccanismi un po’ si inceppano, e lo costringono a rimanere sulle sue, a fare da tappabuchi con compiti prettamente difensivi.

Ettore 6,5 parte malissimo con due leggerezze che regalano gol facili facili agli avversari. Cresce col passare dei minuti, gestendo bene le trame di gioco e il giro palla, trovando sempre il compagno libero. Si eclissa in porta nel finale, tradito dal ginocchio ballerino, facendo un po’ scopa con le difficoltà fisiche del Matusa.

Matusa 6,5 parte forte, pure troppo, e probabilmente spreca troppa benzina, che gli viene poi a mancare nel finale. È pronto a sfruttare gli assist del Geko e di Ettore per realizzare 3 reti, e altre occasioni favorevoli gli capitano, poi il crollo verticale, che lo annebbia anche mentalmente, vedi il contrasto su Ettore(!), che regala palla ai tazzinari e il conseguente gol.

REAL TAZZINA

Savoia 7 in ritardo come suo costume, millanta un dolore alla schiena che a suo dire comprometterebbe la prestazione. Non se ne accorge nessuno, anche se si dimostra meno invelenito nel pressing rispetto al solito. Sparisce un po’ nella fase centrale di gioco, salvo poi azzannare alla gola gli stanchi avversari, illudendo i tifosi con la rimonta a metà.

Tazzina 6,5 gestisce bene le risorse fisiche, alternando un primo tempo da attaccante, ben controllato dai borghigiani, ad una ripresa in cui arretra il suo raggio d’azione, recuperando palloni a centrocampo, e sostituendo Denver spintosi in attacco.

Tutina 6,5 gagliardo e tosto, mulina le sua gambette su tutta la fascia, impermeabile al caldo e alla fatica, fornendo sempre un alternativa di gioco al suo regista. Centra qualche buona conclusione, senza però trovare il gol, e para più che discretamente.

Denver 6 primo tempo di sofferenza, con gli avversari che gli sbucano da tutte le parti, e lo mettono in mezzo a veloci triangolazioni. In fase di recupero sposta il suoi chili in avanti, cercando il gol con cocciute percussioni, ma non trovandolo dopo aver avuto qualche buona occasione.

Nobita 6 notoriamente soffre il caldo, ed in effetti la sua prestazione non è rimarchevole come gli capitava ultimamente. Si limita al compitino, senza strafalcioni, ma senza neanche un guizzo da ricordare. Anche in porta non sembra sicuro, regalando un facile tap-in al Geko con una goffa respinta. Nella norma l’infortunio che accusa nel finale, nella piena tradizione delle sue scenografiche rappresentazioni del dolore.

Riepilogo gol
Borgo: matusa 3 geko 3 bonzo 2 ettore 1
Real: savoia 4 tazzina 2





Risultato del 26 giugno

BORGOGEKO – REAL TAZZINA = 8-7

Straordinariamente di martedì, stante la concomitante semifinale europea tra Italia e Germania, con le formazioni rimaneggiate per via di diverse assenze.
C’è una consistente fase di studio iniziale, durante la quale le squadre mirano a non scoprirsi, poi, dopo la prima rete, il gioco si scioglie e fioccano le occasioni da rete. C’è equilibrio in campo, e a volte sono episodi sfortunati (come l’autorete e mezza di Simotto) che conducono al gol, e il risultato rimane in bilico fino alle battute conclusive, quando un break del Geko frutta il vantaggio minimo che porta il Borgo alla vittoria.
N.B. si ripete lo spiacevole episodio dell’invasione di campo dell’arbitro, stavolta più discreta e comunque tollerata meglio dai protagonisti, visto che proprio in quei minuti si era rimasti 4 contro 4, a causa dei polemici abbandoni di Crucco e Tazzina per un diverbio interno alla squadra.

BORGOGEKO

ErCoccia 7 scorrazza per il campo cantando "djobi djoba", e brucia gli avversari con le sue veloci ripartenze asincrone. Ormai votato anema e core al calcio a 5, sfodera solo conclusioni di punta, che si infilano come banderillas nella porta avversaria. Qualche volta si dribbla da solo,perdendo la palla senza subire il contrasto, ma compensa con buoni interventi da portiere

Geko 7 subito nel vivo del match, partecipa alla manovra di passaggi stretti e ravvicinati impostata da Coccia, salvo aprire il gioco repentinamente con apertura a sorpresa. Stantuffo sulla fascia, mette più volte i compagni a tu per tu col portiere (vedi filtrante per l’ultimo gol di Otto), e realizza il gol vittoria grazie ad una palla rubata in pressing. Se Pirlo merita il pallone d’oro…

Otto 6,5 buon impatto sulla gara finchè regge il fiato. La gestione delle conclusioni e dei passaggi è a volte troppo flebile, però mostra degli spunti notevoli sullo stretto. Secondo tempo di grande sofferenza, in carenza totale di ossigeno, che lo appanna anche mentalmente, concedendogli pochi sprazzi di lucidità.

Filter 6 sembra, anzi è, sempre con almeno un frame di ritardo rispetto al film dell’azione. Una lentezza di pensiero che attanaglia molti giovani giocatori, e che non gli consente di mettere a frutto i buoni movimenti che compie, anche senza palla. Segna il suo gol proprio in uno di questi frangenti, realizzando nel traffico in area dopo aver ritardato una comoda conclusione di prima.

Simotto 6 parecchie piccole sbavature e disattenzioni, nonostante l’impegno che non viene mai meno, sembra a tratti anche lui contagiato dal morbo di Filter. Ritorna protagonista sulle autoreti, realizzandone una e mezza (il gol di Crucco che rimbalza tra le sue gambe aperte), ma le inframezza con un gol di prepotenza, specialità anch’essa che da un po’ lo vedeva assente.

REAL TAZZINA

Arrighe 7- non gioca con le consueta veemenza, non sappiamo se per una certa stanchezza derivante dal volume di partite che affronta settimanalmente, o se per non spaccare troppo l’equilibrio del match. Neanche la "stecca" che riceve dal Coccia su contrasto sembra scuoterlo più di tanto, ma un’ottima performance nell’ultimo turno in porta permette al Real di chiudere col minimo svantaggio. Grande prestazione nel post partita, quando torna a casa con un look degno del gay-pride.

Matusa 6,5 mulina i suoi scarpini bianchi immacolati per tutto il terreno di gioco, senza risparmiarsi, per tutto il tempo di gioco (perché crolla fisicamente solo quando gioca col Borgo?). sembra l’unico che ancora non si sia adattato al pallone a rimbalzo controllato sulle conclusioni,ma trova la soddisfazione personale con una rapida girata in area, stile Pancev (non quando giocava nell’Inter).

Tazzina 6,5 parta da difensore centrale, alternandosi con Arrighe nella posizione, scalando sulla fascia quando gliela cede. Nel secondo tempo, nella fase di recupero dello svantaggio, avanza il suo raggio d’azione, trovando il gol con un tiro piazzato nel traffico di gambe in area. Subisce gli strali di Crucco per un rimprovero, abbandonando anche lui il campo, ma bisogna dire che in altre occasioni era stato molto (ma molto) più fastidioso, ieri sera non ci è sembrato così eccessivo.

Tutina 6 sente avvicinarsi le ferie, ed il termine, per lui, della stagione agonistica, e quindi da il fritto sia in campo che nella fase di preparazione alla partita. Trova il gol con la (solita) partecipazione di Filter, che lo fa accomodare sul primo palo, ma in un paio di frangenti il suo piede ruvido lo tradisce, facendogli addirittura in un’occasione lanciare il contropiede avversario invece di segnare.

Crucco 5 parte tignoso, in pressing alto, e con azioni insistite e caparbie. Un tiro ciccato diventa un assist per il gol del Matusa, e Simotto gli regala la soddisfazione personale. Come il fratello, va in debito d’ossigeno nel secondo tempo, e reagisce in maniera esagerata ad un rimprovero (giusto o sbagliato che fosse), innervosendosi oltre misura, ed abbandonando il campo, decretando praticamente la fine della gara.

Riepilogo gol
Borgo: ercoccia 3 geko 1 filter 1 otto 2 simotto 1
Real : tazzina 2 matusa 1 arrighe 1 tutina 1 crucco 1 autorete 1







Risultato del 5 luglio
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 4-6

Ultimo mese di gioco della stagione, campi deserti (ma non dopo la nostra ora di gioco, c'è sempre qullìinutile e maledetto torneo) e grande caldo, che non ferma la voglia di giocare dei calcettari.
Si torna all'antico, con un pallone che più leggero non si può, e che agevola le doti balistiche dei tazzinari, e scatena e borbottii continui ed irritanti ErCoccia. Il Real tira a ripetizione da ogni parte del campo, e trova subito il doppio vantaggio che manterrà sino alla fine; il Borgo cerca e trova una razione, ma le conclusioni non sono incisive, qualche palo di troppo e le buone prestazioni in porta di tutti e 4 i tazzinari delegati al ruolo frustrano le velleità di rimonta borghigiane.

BORGOGEKO

ErCoccia 6,5 spreca troppe energie per la filippica sul pallone, deconcentrandosi e auto-innervosendosi. Quando recupera la calma riesce a piazzare le sue accelerazioni, partendo preferibilmente da sinistra.

Filter 6,5 a sorpresa si rivela il più efficace dei suoi in porta, non subendo gol e sfoderando parate per lui impensabili. Purtroppo le serata di vena non è sfruttata al meglio dalla squadra...In campo palesa i consueti alti e bassi, mobile e attento alla posizione, troppo lento in fase conclusiva.

Simotto 6 con la consueta generosità prova a tappare i buchi che si aprono dalla mancata copertura di zona da parte dei compagni, ma questo lo porta a perdere lucidità. Non lo dice, ma anche lui soffre la leggerezza del pallone.

Geko 6 subisce 3 gol, e in un paio non è apparso reattivo come suo solito, sorpreso dalle conclusioni repentine dei tazzinari. In difficoltà nel controllo della sfera, ad un certo punto è il borghigiano che più conclude in porta, ma il palo e più volte Nobita gli dicono di no.

Bonzo 5+ in una delle sue serata di scarsa vena. Poco mobile, si fa spesso scappare l'ultimo uomo, lasciando ai tazzinari la superiorità numerica, e non è sempre lucido nei passaggi. Trova un paio di volte la via della rete, ma subisce gli avversari, che si accaniscono con tenacia sulle sue caviglie.

REAL TAZZINA

Matusa 7 corre, dribbla, scatta, manda spesso a vuoto l'avversario diretto con le sue finte. Come ErCoccia perde metà delle sue forze se separato dal rimbalzo controllato, così lui ne acquista al solo apparire del supertele, rusiltando uno dei più incisivi in campo.

Tazzina 7 finalmente a suo agio con la palla, tira da ogni posizione, prendendo sempre la porta, anche con conclusioni francamente imprendibili (come quella che trafigge l'attonito Simotto). Serve buoni assist ai compagni, e, anche se con una mobiltà ridotta, copre l'ultimo borgigiano almeno fino alla metà campo.

Denver 6,5 un pò in difficoltà con la leggerezza della sferra, che non gli permette di calibrare i lanci lunghi, prende quota nella ripresa, realizzando un gol con una bomba da fuori, e parando più volte "gattescamente" a terra, con uscite basse degne di nota.

Tutina 6,5 segna due gol, uno con la deviazione decisiva di ErCoccia, e si propone costantemente per l'uno-due, anche se non sempre con esiti eccelsi. In porta si dimostra saracinesca sui tiri da fuori, con il consueto stile "io-intanto-mi-riparo-e-poi-si-vedrà".

Nobita 6,5 alla prima azione dei suoi si catapulta come un ossesso su un pallone respinto dal palo esterno, scaraventandolo in rete a gioco fermo. Ancorchè comica, rimane la sua unica distrazione in una partita disciplinata, attenta, e nobilitata da parecchi interventi in porta, forse su conclusioni non irresistibili, ma comunque sicuri e frustranti per gli avversari.

Riepilo gol
Borgo: ercoccia 3 bonzo 2
Real: tutina 2 denver 1 tazzina 2(?) nobita 1(?)






Risultato del 12 luglio
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 14-9

Grande caldo, alto tasso do umidità e di nuovo 100 minuti in campo, come non accadeva da tempo. Condizioni di gioco estreme per i calcettari, che riescono comunque a dar vita ad una partita spettacolare anche se non molto equlibrata. La prima mezz'ora di gioco scorre senza che nessuna delle due compagini riesca a concretizzare le proprie azioni d'attacco, poi il volume di gioco maggiore del Borgo prende il sopravvento, le occasioni fioccano e finalmente iniziano ad essere realizzate, scavando quel solco che rimane fino al termine, coi tazzinari che non riescono ad orchestrare una reazione decisiva.

BORGOGEKO

Arrighe 7,5 alla sua terza partita consecutiva in tre giorni, si dimostra comunque iper-allenato, tenendo botta alla sua maniera, ed inserendosi in scioltezza nei meccanismi di gioco borghigiani, non abusando della propria maggior incisività al tiro, preferendo spesso servire i compagni meglio piazzati. Si regala un finale alla Gabibbo, esiliandosi in porta per salvaguardare il ginocchio.

Geko 7+ con un pallone adeguato e con compagni che attaccano gli spazi, riesce a sciorinare le sue geometrie di gioco superiori, servendo assist su assist ai suoi attaccanti, e fornendo comunque un dinamismo eccellente fatto di corsa e velocità sulla fascia. Chiude la serata con un super gol che toglie le ragnatele al sette della porta tazzinara.

Simotto 7+ la presenza di Mezza Tuta lo svincola dal ruolo di centrale, e gli consente di correre e inserirsi su entrambe le fasce, tagliando spesso al centro. Nonostante la smentita di giovedì scorso, la qualità del suo gioco migliora col pallone più pesante, e la possibilità di lasciare più spesso la posizione di ultimo uomo gli consente di realizzare ben 3 reti, un'enormità per lui.

Mezza Tuta 7 si ripresenta in campo dimostrando un netto progresso sia fisico che tattico, frutto di un anno di allenamento specifico sul calcetto. Abbandonate le velleità da attaccante, si piazza come centrale, fa girare la palla e si fa sentire anche difensivamente. Paga un pò di mancanza di velocità e di cattiveria sotto porta, ma riesce a partecipare anche lui alla sagra del gol.

Nobita 7 si presenta con un taglio di capelli e di barba francamente inguardabili, ma dimostra di aver superato i problemi col caldo che negli anni passati limitavano il suo rendimento estivo. Realizzatore principe dei suoi, fa un gran movimento che forse gli toglie un pò di lucidità nell'ultimo tocco, ma si fa sempre trovare al posto giusto. Ridicolizzato un paio di volte da Tutina, consente al Matusa di realizzare con un paio di svarioni, dopo avergli stoppato conclusioni ben più pericolose.

REAL TAZZINA

Savoia 6,5 non sembra in palla coma al solito, e non sempre riesce a sprigionare la sua esplosività, alternando pause a sprazzi di bel gioco, condizionando il rendimento di tutta la squadra.

Matusa 6,5 sostituisce ErCoccia con le continue lamentele sul pallone troppo duro per i suoi piedini delicati. Grazie al doping, che ormai siamo sicuri assuma da un mese a questa parte, corre e scatta per tutta la partita, in un continuo di finte e controfinte che lo liberano al tiro, che però spesso cicca, riuscendo a segnare solo grazie alla dabbenaggine di Nobita.

Tutina 6,5 padrone della fascia destra, azzanna chiunque gli si presenti davanti, e poi riparte di slancio, dimostrando però un egoismo da bomber che lo porta invariabilmente al tiro. irride Nobita in un paio di occasioni, e realizza una doppietta con i suoi classici inserimenti a corpo morto.

Tazzina 6+ buona incisività al tiro e precisione nei passaggi, il maggior dinamismo degli avversari lo costringe a muoversi di più, ma non sempre ce la fa, lasciando i suoi in inferiorità numerica in difesa. nelle battute finali scambia la posizione con Denver, ma le cose cambiano poco per la squadra.

Denver 6 non ha un punto di riferimento borghigiano a cui dedicarsi, visto che gli avversari sono in continuo movimento e si scambiano la posizione, e questo lo manda in affanno. Non riesce ad indirizzare le sue potenti conclusioni nello specchio della porta, anche quando si sposta in attacco si procura occasioni che però, in un modo o nella'ltro, gli vengono neutralizzate.

Riepilo gol
Borgo: geko 2 simotto 3 mezza tuta 2 nobita 4 arrighe 3
Real: matusa 2 tutina 2 denver 1 tazzina 3 savoia 1




Risultato del 19 luglio
BORGOGEKO - REAL TAZZINA = 5-4

Dopo l'exploit della scorsa settimana, si torna alla solita musica, con l'inutile torneo che precede e segue la partita dei nostri eroi, e quindi li costringe all'ormai consueta ora scarsa di gioco.
Partita molto equilibrata, con il Real che si porta sul 2-0 dopo una manciata di minuti, ma il Borgo si riorganizza e agguanta il pari. Nuovo vantaggio Real subito pareggiato, poi 4 rete dei tazzinari, il Borgo pareggi ancora, subisce l'assalto avversario, barcolla ma non molla e segna il definitivo gol vittoria col Geko, mattatore della serata.

BORGOGEKO

Geko 7,5 mattatore a sorpresa della serata, segna i 2 gol del primo pareggio dalla sua "mattonella" sulla fascia destra (bello il secondo infilato all'incrocio), e il 3-3 su gentile omaggio degli avversari, che gli recapitano la palla sui piedi, che lui con freddezza mette dentro. Molto spesso libero e ignorato dai compagni, quando viene nuovamente servito nelle battute finali, segna il gol vittoria con tiro a incrociare sul secondo palo, sempre dalla suddetta "mattonella".

Simotto 7 sinistra, destra, centro, attacco, dove lo metti sta, e si prodiga in corsa e generosità. Sempre pronto a coprire la zona di campo lasciata scoperta, nel convulso finale intercetta due pericolose bombe di Savoia, che gli lasciano il marchio sulle ginocchia.

Bonzo 6,5 mobile e volitivo, prepara bene l'azione, salvo poi cincischiare troppo al momento di concludere. Rischia grosso con una palla che gli passa tra le gambe e fa gridare qualcuno al gol fantasma. Segna con freddezza il terzo pareggio dei suoi, e si segnala per un paio di veementi recuperi difensivi.

Nobita 6,5 dimostra qualche difficoltà nel controllo della sfera, che non gli permette di preparare in maniera adeguata le conclusioni. Sostanziosa presenza sulla fascia, compie una parata decisiva su fendente di Savoia.

Mezza Tuta 6,5 conferma i progressi messi in mostra la scorsa settimana, dimostrandosi efficace nella fase di copertura. Bene in impostazione nel primo tempo, paga qualcosa sul piano della lucidità nella seconda parte di gara.

REAL TAZZINA

Savoia 7+ ripropone il suo ciuffetto che non aveva entusiasmato in passato, ma la sua azione non ne risente. Quando parte palla al piede in progressione è difficile da fermare e crea pericoli nella retroguardia avversaria, e la posizione arretrata da cui parte gli consente di piazzare dei break decisivi.

Tazzina 6,5 parte più arretrato, avanzando gradualmente il raggio d'azione. Ingaggia bei duelli col Mezza Tuta in posizione da boa, e si procura buoni tiri, ma il pallone molto leggero tende ad alzarsi. Cerca la profondità, ma non riceve palloni sempre giocabili.

Tutina 6,5 indiavolato sulla fascia, morde le caviglie di chiunque gli si pari davanti, conquistando palloni su palloni e ripartendo. Conferma il suo egoismo da bomber (mancato), cercando quasi sempre la conclusione invece del passaggio.

Denver 6,5 avanza il suo raggio d'azione, alternandosi come ultimo uomo Savoia, Matusa e Tazzina, e fecendo legna a centrocampo. Prova più la bomba da fuori nel primo tempo, ma non inquadra la porta, più pericoloso nel finale, ma il prode Mezza Tuta intercetta col corpo le sue conclusioni.

Matusa 6 il supertele fa si che i suoi piedini delicati non si ammacchino, e gli consente di provare più volte il tiro, sempre però contratto dagli avversari. Si conferma in buona forma, e inspirato nel dribbling, ma risulta carente in copertura sulla fascia di competenza.

Riepilogo gol
Borgo: geko 4 bonzo 1
Real: savoia 3 matusa 1






26/7/2012 Borgogeko - Real Tazzina 10-7


Squadre cosi schierate:

Real Tazzina

Tazzina, Matusa, Denver, Tuta, Savoia

Borgogeko

Geko, Arrighe, Alvin, Mezza Tuta e Simotto

Tazzina: 6.5 Cambia spogliatoio per non far capire le tattiche agli avversari di sempre, Simotto & Geko, ma questo non basta ad evitare la sconfitta del Real. La squadra non lo segue nelle sue tattiche.
Geko: 7- Finale di stagione superbo da parte del Geko, condizione fisica ottima, corsa e tiro dalla "mattonella, la sua".
Matusa: 6+ Mi è sembrato più propenso alla fase offensiva che difensiva. Pregevole gol di tacco ma colpevole di lasciare la fascia spesso libera alle incursioni del Geko
Arrighe: 7 Una certezza; se può gioca e se gioca lo fa bene. Il sette è per non farlo sembrare un alieno.
Denver: 6.5 Gioca a testa alta, tira da fuori, suggerisce e si propone anche in attacco. Una buonissima partita.
Alvin: 6.5 Inizia timido, non tova la posizione ma, alla lunga, esce fuori. Chiama le posizioni agli avversari, suggerisce ed effettua passaggi filtranti e corre, cosa che dovrebbe essere normale per la sua età ma in effetti non sempre è cosi.
Tuta: 6.5 Vince la sfida in famiglia con Mezza Tuta. La vince con tre ingredienti che non l'hanno mai lasciato solo in questa stagione: fiato, gambe e grinta.
Mezza Tuta: 6+ Il carretto passava (trainato da Mezza Tuta) e quell'uomo gridava gelati... In effetti i rimproveri scherzosi di Arrighe sembravano veri; sembrava proprio che Mezza Tuta avesse un carretto da trainare. Rispetto ai scorsi giovedi Mezza Tuta è apparso stanco e un pò disattento, specialmente la prima mezzora. Si riprende un pò verso la fine, con fisico e posizione.
Savoia: 7 Anche lui sopra tutti, corsa, tecnica, tiro. Sembra, a volte, voler e poter fare quello che vuole. Ottima stagione.
Simotto: 6 Prestazione peggiore degli ultimi due mesi nonostante due gol, fiato e gambe fino alla fine. Sbaglia molti passaggi all'inizio, uno causa un gol subito. Non gli riesce neanche un lancio.

GOL REAL TAZZINA:
1 tazzina
1 denver
1 tutina
1 matusa
3 savoia

Torna ai contenuti